Nel Bilancio di missione 2016 il primo anno completo di attività della Fondazione Gemelli

Presentato a Roma

Nel Bilancio di missione 2016 il primo anno completo di attività della Fondazione Gemelli

redazione

265 ricoverati, 225 persone che accedono al Pronto soccorso di cui sette Codici rossi (cioè in imminente pericolo di vita), 128 interventi chirurgici, 11 bambini nati, 9.630 prestazioni ambulatoriali per pazienti non ricoverati, 4.400 procedure di accettazione, 3.500 pasti erogati a pazienti e personale, 2.193 visite al sito web, 411 referti online. Sono questi i principali numeri dell’attività in un giorno qualunque del Gemelli di Roma, contenuti nel secondo Bilancio di missione della Fondazione, presentato lo scorso 14 giugno.

Con otto poli clinici e di ricerca, 121 unità assistenziali di cui 97 unità operative complesse, 173 aree operative semplici, 1.550 posti letto, il Policlinico universitario Gemelli della Capitale è il secondo ospedale italiano per grandezza e uno dei principali ospedali oncologici nazionali.

Un lavoro continuo che impegna complessivamente 5.285 lavoratori, di cui 988 medici e 2.093 infermieri, realizzato anche con il contributo di 400 volontari di 40 associazioni no profit che offrono il proprio aiuto ai malati e ai loro familiari per quelle esigenze che vanno oltre l’assistenza strettamente medica e infermieristica.

Il Bilancio di missione 2106 «suggella il primo anno di piena attività della Fondazione, che dal 1° agosto 2015 ha assunto la titolarità e la gestione del Policlinico Gemelli» ricorda nella introduzione il presidente Giovanni Raimondi. Il Bilancio, continua, «rappresenta le iniziative assunte e i risultati conseguiti per l’attuazione della missione propria della Fondazione», che trova la propria sintesi «nel perseguimento, in conformità ai principi della dottrina cattolica, della tutela e della promozione della persona umana nell’ambito dell’assistenza sanitaria, della formazione, della ricerca scientifica e dell’innovazione in campo biomedico e sanitario».

Anche la ricerca fa la sua parte, frutto della sinergia con la Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica: 241 progetti sviluppati, oltre 1.500 pubblicazioni scientifiche, 247 studi profit valutati dal comitato etico, 2.926.389 euro di finanziamenti UE per la ricerca, 10.600.000 il valore dei progetti di ricerca universitari.