Cosmed, manovra economica: bene aver differito il comma 687, rimosso un ostacolo ai rinnovi dei contratti della dirigenza

Il commento

Cosmed, manovra economica: bene aver differito il comma 687, rimosso un ostacolo ai rinnovi dei contratti della dirigenza

di redazione

«Una buona notizia per i medici e dirigenti sanitari arriva dalla manovra economica 2022». È così che la Confederazione sindacale dei medici e dirigenti (Cosmed) commenta il rinvio del comma 687 della legge di bilancio 2019, che imponeva il ritorno della dirigenza amministrativa, tecnica e professionale del Servizio sanitario nazionale nel contratto della dirigenza sanitaria. Il comma è stato differito alla tornata contrattuale 2022-2024, successiva quindi a quella che si sta per aprire.

«Viene così rimosso un serio ostacolo ai rinnovi contrattuali, scaduti da tre anni scongiurando il rischio di stravolgere l'assetto dei contratti e dei tavoli di negoziazione delle aree dirigenziali nonostante i buoni risultati di quello attuale. Inoltre il rientro della PTA del SSN avrebbe comportato una sovrapposizione di stati giuridici diversi, una commistione di numerose e distinte professionalità nel medesimo contratto e non ultimo la perdita di rappresentatività di un settore della dirigenza e lo stravolgimento retroattivo della rilevazione delle deleghe e delle prerogative sindacale. Questa Confederazione che si è battuta per questo risultato insieme ad altre e a numerose Associazioni di categoria non può che esprimere soddisfazione», commenta Cosmed in una nota.La Confederazione sindacale non nasconde però che avrebbe preferito l'abrogazione della norma.