Dentisti in piazza, il 15 marzo a Roma e poi nel resto d'Italia

Giornata mondiale della salute orale

Dentisti in piazza, il 15 marzo a Roma e poi nel resto d'Italia

di redazione

Si parte venerdì 15 marzo a Roma e poi, per questo e il prossimo fine settimana, l'Associazione italiana odontoiatri (Aio) ha mobilitato una ventina di sedi, in particolare tutte le grandi città, anche Torino, Napoli, e Milano (che farà perno su Pavia) oltre che, capillarmente, le regioni e in particolare le Isole, la Puglia, il Triveneto, l’Umbria. Negli studi, nelle piazze principali, nei centri commerciali, sulla scorta delle indicazioni della Federazione dentale internazionale (FDI, che organizza la Giornata e da quest’anno è guidata dall’italiano Gerhard Seeberger, past president Aio) gli odontoiatri dell’Associazione come ogni anno incontreranno la popolazione, comunicheranno “pillole” di prevenzione, distribuiranno presidi per una corretta igiene orale.

«La Giornata è un’occasione per avvicinare soprattutto stranieri  informandoli dei loro diritti sanitari e orientandoli presso le nostre strutture sanitarie compresa l'odontoiatria», afferma Roberto Santopadre, socio aio e direttore sanitario del Centro odontoiatrico Caritas.

Nella piazzetta interna alla struttura del mercato Esquino a Roma, volontari del progetto, dentisti Aio e studenti in Odontoiatria, operatori Caritas e igienisti dentali, forniranno indicazioni e dimostrazioni pratiche sulla corretta igiene orale e distribuiranno gratuitamente spazzolini per adulti e bambini, dentifrici e materiale informativo a persone di tutte le nazionalità, quali quelle che animano il mercato Esquilino.

Quest’anno Aio Roma ha provveduto a stampare i cartelloni di FDI in tutte le lingue. «Il messaggio è veramente per tutti. Inoltre –dice Santopadre – regaleremo alle persone che si fermano a parlare con noi tantissimi spazzolini, sono stati donati da scuole e parrocchie nella campagna “Felici e con…denti”, insieme a disegni dei bambini, come i cresimandi di quest’anno, che parlano di storie personali, aspirazioni, povertà. La bambina che regge gli spazzolini nel poster FDI è italiana, è una dei protagonisti della campagna lanciata lo scorso anno. E gli scatoloni continuano ad arrivare, il flusso non si è mai fermato».