Federico Gelli responsabile del Rischio in sanitá di Federsanitá-Anci

Nomine

Federico Gelli responsabile del Rischio in sanitá di Federsanitá-Anci

redazione

Un’adeguata funzione di monitoraggio e gestione del rischio in sanità in tutte le strutture sanitarie per realizzare attività di prevenzione: con questo obiettivo la presidente di Federsanità Anci, Tiziana Frittelli, direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma, ha conferito la nomina di responsabile del Rischio in sanità a Federico Gelli, relatore per la Camera dei Deputati della legge 24/2017 sulla responsabilità professionale, approvata dal Parlamento il 28 febbraio dello scorso anno.

«Sono felice di poter collaborare con il management delle strutture sanitarie e con i referenti degli Enti locali in un settore, quello sulla sicurezza delle cure, che mi ha visto impegnato durante tutta la mia attività parlamentare. Sono convinto – dichiara Gelli - che per rispondere ai bisogni del pazienti in un contesto di riforma dell'intero sistema sanitario nazionale, sia imprescindibile migliorare anche la sicurezza della presa in carico».

Il rischio in sanità «rappresenta un interesse primario che – sostiene dal canto suo Frittelli - concorre, insieme ad altri fattori, ad assicurare il rispetto del principio della sicurezza delle cure. La legge Gelli-Bianco, nel porre per la prima volta in questo Paese l’obbligatorietà delle strutture di gestione del rischio, nonché l’istituzione, a livello regionale, dei Centri per la gestione del rischio sanitario e la sicurezza del paziente ha prodotto un vero salto culturale. La nomina di Federico Gelli in Federsanità Anci va nella direzione di fare un ulteriore passo in avanti, ovvero far sì che la gestione del rischio non si limiti agli eventi sentinella, ma entri nei processi clinici, nei percorsi diagnostici terapeutici, nel programma Esiti, nell’accesso tempestivo alle cure, nell’appropriatezza delle cure, nella comunicazione con il paziente umana e non solo formale».