Non c’è muscolo senza cervello

Settimana mondiale del cervello

Non c’è muscolo senza cervello

redazione

È questo il tema dell'edizione 2018 della Settimana mondiale del cervello (dal 12 al 18 marzo), appuntamento annuale patrocinato dalla Società italiana di neurologia (Sin) per far aumentare la pubblica consapevolezza nei confronti della ricerca su questo nostro organo sofisticato e nello stesso tempo ancora misterioso.

All'iniziativa aderisce anche Alice Italia, Associazione per la lotta all’ictus cerebrale, in linea con gli obiettivi statutari della Onlus e in accordo con tutti i soggetti impegnati nella ricerca sulla malattia cerebrovascolare.

«Il cervello è un organo complesso che va salvaguardato: con la prevenzione e con l’adozione di corretti stili di vita possiamo pensare di mantenerlo in forma, evitando di incorrere in una patologia grave e debilitante come l’ictus cerebrale» dichiara Nicoletta Reale, presidente di Alice Italia Onlus.

L’ictus cerebrale è una patologia che, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e i tumori. Circa la metà degli italiani che ne vengono colpiti ogni anno rimane con problemi di disabilità anche grave: le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 940 mila, ma il fenomeno è in crescita, oltre che per l’invecchiamento progressivo della popolazione, anche perché tra i giovani è in aumento l’abuso di alcool e droghe.

I dettagli e l’elenco delle iniziative attivate sul territorio nazionale durante la Settimana mondiale del cervello sono sul sito web della Sin (www.neuro.it).