Nuova General Manager per Takeda Italia

Aziende

Nuova General Manager per Takeda Italia

di redazione

Dall'1 aprile Annarita Egidi sarà General Manager di Takeda Italia, succedendo dopo cinque anni a Rita Cataldo, chiamata ad assumere la carica di General Manager di Takeda Francia.

Laurea in Chimica e tecnologia farmaceutica, Master in Economia ed esperienza in diversi ruoli dell’organizzazione aziendale, Egidi è in Takeda Italia dal 2013, dove fino al 2018 ha ricoperto il ruolo di Market Access Director. Dal 2018, come Country Head dell’Oncology Division, Egidi ha portato Takeda a una grande crescita nell’area oncologica, lanciando una divisione dedicata, caratterizzata da una gestione indipendente.

L’azienda ha chiuso «un 2020 straordinario» sottolinea Egidi: in piena pandemia, «ha garantito lo svolgimento di tutte le attività, mantenendo costante l’attenzione ai pazienti».

Oggi «le nuove esigenze dei pazienti, la pressione sul sistema sanitario, il ruolo cruciale della Digital Health ci mostrano con chiarezza la necessità di una svolta. Il mio mandato – prosegue la nuova General Manager - sarà quindi improntato alla valorizzazione della flessibilità e alla capacità di ascolto di tutti i nostri interlocutori: solo così Takeda sarà in grado di mettere a disposizione di pazienti, medici e del sistema Paese, tutto il valore di cui è capace, sia in termini di trattamenti innovativi che di soluzioni “beyond the pill”. Nuove circostanze richiedono risposte e soluzioni più agili e, puntando sulla valorizzazione delle nostre persone e sullo sviluppo continuo di nuove competenze, saremo in grado di crescere insieme all’Italia».

La nomina di Egidi a General Manager Italia, commenta Giles Platford, presidente di Takeda Europa e Canada, «con il suo background nel settore farmaceutico e il successo nella gestione della nostra Divisione Oncologia italiana negli ultimi tre anni, rafforza l'importanza dell'Italia come mercato chiave per Takeda in Europa; allo stesso modo riflette il nostro costante impegno nel promuovere la diversità all'interno dei nostri management team».