Nuovo trattamento per l'iperpotassiemia

Farmaci

Nuovo trattamento per l'iperpotassiemia

di redazione

Approvato dall'Aifa, è disponibile in Italia il nuovo trattamento con ciclosilicato di sodio e zirconio, indicato per i pazienti adulti con iperpotassiemia (o iperkaliemia), una patologia particolarmente frequente nelle persone con insufficienza renale cronica e/o scompenso cardiaco in trattamento con inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone (Raasi) e in pazienti sottoposti a emodialisi cronica.

I farmaci inibitori Raas sono lo standard di cura per queste comorbidità, ma risultano spesso difficili da utilizzare in modo prolungato e in dose adeguata proprio perché, a lungo termine, possono causare lo sviluppo di iperpotassiemia cronica.

Il sodio zirconio ciclosilicato di AstraZeneca agisce in modo altamente selettivo catturando il potassio libero nell’intero tratto gastrointestinale, riducendone la concentrazione e i livelli sierici di potassio.

L’iperpotassiemia è il più comune disturbo elettrolitico osservato nei pazienti con malattia renale cronica, scompenso cardiaco e dialisi, i quali hanno un rischio raddoppiato di ospedalizzazione, un aumentato rischio di eventi cardiovascolari fino al 46%, e un rischio di decesso fino all’ 88% maggiore rispetto alla popolazione generale.

Gli studi hanno mostrato che il 98% dei pazienti trattati con il sodio zirconio ciclosilicato ha raggiunto livelli di normokaliemia entro le 48 ore dal basale. L’87% dei pazienti ha inoltre mantenuto o incrementato la terapia con inibitori Raas.

L'approvazione è «una buona notizia per i pazienti con malattia renale cronica, scompenso cardiaco e per i pazienti sottoposti a emodialisi cronica a rischio elevato di sviluppare iperpotassiemia, temibilissima complicanza clinica, che da oggi in poi avranno a disposizione un trattamento efficace, innovativo e sicuro» commenta Stefano Bianchi, direttore dell'Unità di Nefrologia e dialisi, Area livornese sud, Azienda sanitaria toscana nordovest.