Premio eHEALTH4ALL, vince la prevenzione con un occhio all’ambiente

Riconoscimenti

Premio eHEALTH4ALL, vince la prevenzione con un occhio all’ambiente

di redazione

Nuvap, dell’omonima azienda milanese, si è aggiudicata la terza edizione del Premio eHealth4all per il miglior progetto informatico made in Italy dedicato alla prevenzione. Rivolta a misurare i livelli di inquinamento indoor su una molteplicità di sostanze presenti nell’aria, Nuvap è stata premiata mercoledì 5 giugno in Assolombarda a Milano al convegno “Prevenzione 4.0 – un salto di qualità: applicazioni digitali per migliorare la prevenzione in Sanità”, dopo aver raggiunto il voto più alto del comitato scientifico del concorso, composto da economisti, medici, informatici, esperti di comunicazione.

Al secondo posto l’app Sanità a Km Zero, soluzione mobile del consorzio Arsenàl della Regione Veneto che permette al cittadino di ricevere la ricetta del medico di famiglia sul telefonino e di recarsi con essa in farmacia per ottenere le medicine senza passare per la sala d’attesa. Al terzo posto, PD Watch, soluzione a cura di Biomedical Lab di Potenza, in grado di monitorare a domicilio lo stato dei pazienti affetti da morbo di Parkinson e di trasmettere i parametri biofisici agli specialisti neurologi.

Infine, Ri.car.do, programma a cura di Medicaltech di Trento di teleriabilitazione cardiologica domiciliare sperimentato in una struttura in Emilia Romagna, ha ottenuto il premio speciale di Digital Health Summit per il miglior «contributo alla visione di Sistema sanitario italiano orientato alla Value Based Healthcare».

Pur non essendosi aggiudicati premi, sono stati molto apprezzati anche gli altri quattro concorrenti: Avanchair, sedia a rotelle azionata da sistemi di movimento automatici che limitano e ottimizzano gli sforzi della persona e del caregiver; Miracle, specchio “intelligente” che rileva battito cardiaco, saturazione di ossigeno e altri parametri elaborando l’immagine del volto dell’utente; Life Charger, app che ricorda sul telefonino i farmaci da prendere per l’aderenza alle terapie; Human Life Cycle Management, progetto di prevenzione basato sull’automonitoraggio e sull’incrocio di indicatori di patologia e di dati da referti.