Roche scala posizioni tra le Top Employers

Aziende

Roche scala posizioni tra le Top Employers

redazione

Anche per il 2016 Roche è stata ufficialmente certificata da Top Employers Institute continuando a migliorare il proprio posizionamento. L’azienda ha inoltre ottenuto la certificazione di Top Employer Europe, con 11 affiliate Roche premiate.

A livello italiano, in quattro anni Roche è passata dal ventesimo al nono posto.

 «Scegliere di unirmi a Roche significa entrare in una realtà che può vantare un lungo passato, un solido presente e un promettente futuro, determinati da 3 elementi: un portfolio prodotti che ha cambiato il corso di molte gravi malattie, una pipeline unica con 74 nuove molecole in sviluppo e un percorso continuo di valorizzazione delle persone che in Roche lavorano», ha commentato Amelia Parente, appena nominata Human Resources Director di Roche dopo 20 anni di esperienza nell’ambito delle risorse umane maturati prima presso l’Istituto Organizzazione e Personale dell’Università Bocconi e, in seguito, in multinazionali del settore Pharma.

«La varietà e la solidità della nostra offerta è avvalorata dai numeri, basti pensare che nel solo 2016 il 14 per cento dei dipendenti ha avuto un avanzamento di carriera e che oggi sono ben 5 le generazioni che in azienda lavorano gomito a gomito e per cui è stato studiato ed implementato un piano di flexible benefit adeguato a coprire i diversi bisogni dei dipendenti».

«Considerare le persone un patrimonio non è retorica. Entrando in Roche si respira immediatamente un'aria speciale, densa di energia, di passione, di generatività, che deriva da una lunga storia di attenzione alle persone. Per questo sono orgogliosa di portare anche il mio contributo in un’azienda che ha l’innovazione nel DNA. Perché in Roche si alimenta il coraggio di continuare a migliorare, di trovare nuove strade per essere sempre all’avanguardia non solo nella ricerca, ma anche nel favorire un ambiente di lavoro sempre più gratificante e professionalizzante», ha concluso Parente.

 

Per ricevere gratuitamente notizie su questo argomento inserisci il tuo indirizzo email nel box e iscriviti: