Salute, benessere e qualità di vita: ecco Roma ExpoSalus and Nutrition

Salute, benessere e qualità di vita: ecco Roma ExpoSalus and Nutrition

redazione

La durata media della vita aumenta, ma non si può dire lo stesso per la salute: l’80% degli over 65, infatti, ha almeno una patologia cronica e il 50% ne ha due o più.

Con l'obiettivo di accendere i riflettori sul tema e trovare possibili soluzioni nasce RomaExpoSalus and Nutrition, appuntamento aperto a tutti i cittadini dedicato alla salute, al benessere e alla qualità della vita, ideato e organizzato da Fiera Roma e Formedica, che si svolgerà a Roma dall’8 all’11 novembre con ingresso gratuito.

«Speriamo che un tale evento, una manifestazione sulla salute che coinvolge l’intera filiera, un unicum nel panorama fieristico internazionale, possa contribuire a restituire a Roma, al Lazio e all’Italia un ruolo centrale nel panorama internazionale della salute» auspica Pietro Piccinetti, amministratore unico di Fiera Roma in occasione della presentazione dell'evento, lunedì 22 ottobre nella Capitale. «Di questa manifestazione, che mette al centro la salute e non la malattia, vogliamo sottolineare in particolare l’alto impatto sociale: rovescia la piramide della salute partendo dal cittadino, che diventa protagonista attivo del proprio benessere» aggiunge Piccinetti.

Un incontro tra gli attori della “filiera” della salute che ha l'ambizione di cambiare il punto di vista sulla salute rendendo i cittadini protagonisti attivi nella ricerca del proprio benessere partendo da una scommessa: la salute può essere “contagiosa”?. Le conoscenze, le buone pratiche e i modelli di comportamento, se condivisi, possono diffondersi, migliorare i percorsi di prevenzione e cura dei cittadini e aumentare i livelli di salute di tutta la comunità. La cultura della salute – è la risposta dei promotori del progetto - è di per sé un elemento che porta salute e se una persona sta bene può stare ancora meglio. Prevenire non significa solo evitare ciò che ci fa stare male, ma anche aggiungere ogni giorno un po’ di salute al nostro organismo, che ha come risultato finale quello di migliorare la qualità della vita dell’intera comunità.

Per quattro giorni i cittadini potranno accedere a visite gratuite e la Regione Lazio, che supporta la manifestazione, metterà a disposizione di tutti uno stand dove sarà possibile attivare la propria tessera sanitaria, prenotare esami di screening, ottenere informazioni sui corretti stili di vita e sulla nutrizione.

«Vogliamo mettere in moto non solo un nuovo processo di formazione e di confronto per il medico e le figure sanitarie - spiega Rosario Gagliardi, fondatore e general manager di Formedica - ma anche stimolare un percorso di empowerment del paziente-cittadino, al fine di favorirne la crescita nella consapevolezza, nell'autonomia e nella possibilità di incidere sulle scelte di cura. Trasferire, per esempio, ai cittadini tutta una serie di informazioni, di conoscenze e comportamenti, che elevino il livello di responsabilità, promuovendo quell'engagement che porta all'alleanza tra medico e paziente. Pensiamo al problema della scarsa aderenza alle terapie, a oggi la percentuale di pazienti che non aderisce alla terapia raggiunge, in certi casi, il 70%. Questo significa non solo vanificare il processo terapeutico – precisa - ma incidere pesantemente sui costi diretti e indiretti del sistema sanitario. In definitiva occorre coinvolgere, oltre al medico e gli operatori sanitari, anche il paziente-cittadino nella sostenibilità del sistema salute».