Il vaccino contro la varicella Varivax ha ricevuto lo stato di prequalifica dall’Oms

Il vaccino contro la varicella Varivax ha ricevuto lo stato di prequalifica dall’Oms

redazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha concesso lo stato di prequalifica al vaccino contro la varicella Varivax. 

Varivax, prodotto da MSD, è da diversi anni fa parte del portafoglio del PAHO (Pan American Health Organization) e viene già utilizzato in molti programmi nazionali di vaccinazione. È il primo contro la varicella a ricevere la prequalifica dell’Oms, un riconoscimento che mira a garantire che i vaccini soddisfino gli standard di qualità, sicurezza ed efficacia dell’Oms e che rappresenta unitamente ad altri criteri uno dei requisiti utilizzati dall’Onu e da altre agenzie nel processo decisionale di acquisto. 

Con questo riconoscimento Varivax può essere scelto dall’Unicef e da altre agenzie delle Nazioni Unite per l’utilizzo nei loro programmi nazionali di vaccinazione. 

Il vaccino è indicato per l’immunizzazione attiva per la prevenzione della varicella in soggetti di età pari o superiore ai 12 mesi ed è somministrato per via intramuscolare o sottocutanea.

«La varicella è una malattia contagiosa altamente trasmissibile che colpisce milioni di persone ogni anno nel mondo ed è considerata un onere gravoso per la salute pubblica. Sebbene la maggior parte dei bambini senza malattie concomitanti giunga a guarigione, alcuni possono subire serie complicanze, come infezioni cutanee e dei tessuti molli, polmonite o encefalite che possono risultare fatali», ha commentato Ruxandra Draghia-Akli, vicepresidente Salute pubblica e affari scientifici MSD. «Siamo fortemente impegnati a supportare gli sforzi globali volti ad incrementare l’accesso ai vaccini per le persone di tutto il mondo. La prequalifica dell’OMS è un passo importante verso una maggiore disponibilità e potenzialmente verso la riduzione globale del burden della varicella».