aspirin.jpg

Lo strumento più diffuso per calcolare le probabilità di infarto e ictus si basa su dati vecchi e nel 20 per cento dei casi vede un pericolo che non c’è. È ora di aggiornare il sistema per evitare di assegnare terapie inutili