Nanoparticles.jpg

Il punto di forza della nuova tecnologia risiede nell'elevata capacità selettiva delle nanoparticelle che si legano solo ai macrofagi presenti nelle placche aterosclerotiche senza il rischio di attivare cellule spazzino in altre parti del corpo.