ultrasound.jpg

Lo studio ha passato in rassegna gli esisti di 14mila gravidanze avvenute dopo un evento di morte uterina in Finlandia, Norvegia e Australia