Dermatite atopica: ok a dupilumab. È il primo “innovativo” non oncologico

Dermatite atopica: ok a dupilumab. È il primo “innovativo” non oncologico

redazione

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della determina che ne definisce la rimborsabilità, è stata autorizzata in Italia la commercializzazione in Italia di dupilumab, il primo farmaco biologico indicato per il trattamento di pazienti adulti con dermatite atopica da moderata a grave, idonei alla terapia sistemica. 

Il farmaco è rimborsato per il trattamento della dermatite atopica grave in pazienti adulti per i quali il trattamento con ciclosporina risulta essere controindicato, inefficace o non tollerato.  Il farmaco è inoltre il primo farmaco biologico indicato per una patologia dermatologica non oncologica a rispondere ai criteri di innovatività dell’Agenzia.

«Da tempo la comunità scientifica attende l’arrivo di un’innovazione nel panorama terapeutico della dermatite atopica dell’adulto. Finalmente è disponibile dupilumab», afferma Piergiacomo Calzavara-Pinton, direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e MST dell’Università di Brescia e presidente SIDeMaST. 

«L’ampio programma clinico ha dimostrato tutte le potenzialità di questo farmaco nel cambiare il decorso di questa patologia cronica e invalidante: agisce rapidamente e con risultati mantenuti nel tempo sulle lesioni della pelle e sul prurito, sintomi che compromettono seriamente la qualità di vita dei pazienti. Ben venga quindi il riconoscimento dell’innovatività, per la prima volta conferito da Aifa anche a un farmaco dermatologico non-oncologico. Attendiamo di poter presto verificare nella pratica clinica quotidiana quanto emerso negli studi».

La dermatite atopica è una patologia infiammatoria cronica che, nelle sue forme moderate-gravi, è caratterizzata da lesioni della cute che possono coprire la maggior parte del corpo, spesso accompagnate da secchezza, ferite essudanti e prurito intenso e persistente, uno dei sintomi più difficile da sopportare per i pazienti. A causa del prurito e delle lesioni, spesso localizzate in zone sensibili e visibili, la dermatite atopica compromette pesantemente la qualità di vita dei pazienti, con disturbi del sonno e un aumento di sintomi di ansia e depressione.

«Le persone con dermatite atopica attendono da tempo un trattamento in grado di tenere sotto controllo i sintomi che rendono insopportabile la convivenza con questa patologia», dichiara Mario Picozza, presidente di ANDeA – Associazione Italiana Dermatite Atopica. «Siamo felici che questa necessità terapeutica sia stata riconosciuta e che dupilumab possa essere presto disponibile per chi ne ha più bisogno».