Diabete: alirocumab efficace per ridurre l’ipercolesterolemia

Farmaci

Diabete: alirocumab efficace per ridurre l’ipercolesterolemia

redazione

Alirocumab (Praluent), somministrato in aggiunta alla massima dose tollerata di statine in pazienti diabetici ha dimostrato di essere efficace nel ridurre i livelli di colesterolo aterogeno.

È uno dei dati presentato nel corso congresso annuale dell’American Diabetes Association tenutosi nei giorni scorsi a San Diego e derivante dal programma di fase III ODYSSEY.

«Le persone affette da diabete cronico, incluse quelle trattate con insulina, sono pazienti ad alto rischio cardiovascolare», ha commentato Lawrence Leiter, coordinatore dello Steering Committee dello studio ODYSSEY DM e direttore della Lipid Clinic al Li Ka Shing Knowledge Institute presso il St. Michael’s Hospital, Università di Toronto, Canada. «I risultati positivi dello studio ODYSSEY DM-INSULIN ci forniscono informazioni importanti sull’efficacia e sulla sicurezza di alirocumab in questo gruppo di pazienti ad alto rischio cardiovascolare».

Lo studio ODYSSEY DM-INSULIN era uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo multicentrico a gruppi paralleli che ha valutato alirocumab in 517 persone con diabete di tipo 1 e 2 trattati con insulina e un profilo di alto rischio cardiovascolare e ipercolesterolemia in trattamento con la massima dose tollerata di statine. I risultati nella popolazione con diabete di tipo 2 presentati in sede di congresso ADA e hanno dimostrato che alirocumab somministrato in aggiunta alla  massima dose tollerata di statine riduce del del 48,2% il colesterolo LDL al basale rispetto allo 0,8% del placebo. Il trattamento con alirocumab ha anche migliorato il profilo lipidico complessivo.

Per ricevere gratuitamente notizie su questo argomento inserisci il tuo indirizzo email nel box e iscriviti: