Diabete: l’insulina degludec è sicura anche sul fronte cardiovascolare

Farmaci

Diabete: l’insulina degludec è sicura anche sul fronte cardiovascolare

redazione

Per i pazienti diabetici, l’uso dell’insulina degludec non comporta un maggior rischio cardiovascolare rispetto all’insulina glargine.

È questo il dato saliente dello studio DEVOTE, presentato nel corso del congresso dell’American Diabetes Association in corso a San Diego e pubblicato in simultanea sul New England Journal of Medicine. 

DEVOTE è il primo outcome cardiovascolare, randomizzato, treat-to-target, in doppio cieco ed  event-driven; ha coinvolto 7.637 adulti con diabete di tipo 2 ad elevato rischio cardiovascolare, seguiti per circa due anni e il suo obiettivo è stato quello di confermare la sicurezza cardiovascolare dell’insulina degludec rispetto all’insulina glargine.

Nel dettaglio, lo studio ha mostrato come l’insulina degludec non aumenti il rischio di complicanze cardiovascolari maggiori: viene, infatti, raggiunto l’endpoint primario di non inferiorità rispetto all’insulina glargine 100 U, con una percentuale di rischio di complicanze cardiovascolari maggiori dello 0,91 per cento. Lo stesso si evidenzia per le singole voci che compongono l’endpoint composito cardiovascolare, ovvero: morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico non fatale, ictus non fatale.

I risultati degli endpoint secondari dello studio mostrano, inoltre, come l’insulina degludec riduca in maniera significativa gli episodi di ipoglicemia gravi (-40 per cento), in particolare quelli notturni (-53 per cento).

Per ricevere gratuitamente notizie su questo argomento inserisci il tuo indirizzo email nel box e iscriviti: