Mesotelioma pleurico: dati promettenti da studio di fase II su nintedanib

Asco 2017

Mesotelioma pleurico: dati promettenti da studio di fase II su nintedanib

redazione

Nintedanib, triplice inibitore orale dell’angiochinasi migliora la sopravvivenza libera da progressione della malattia e la sopravvivenza complessiva in pazienti con mesotelioma pleurico maligno, quando aggiunto a chemioterapia standard di prima linea con pemetrexed/cisplatino, rispetto alla sola chemioterapia.

È il dato principale dello LUME-Meso, uno studio di Fase II, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso placebo, presentano nel corso del congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (Asco).