Ok dell’FDA a nuovo farmaco per il linfoma mantellare

Farmaci

Ok dell’FDA a nuovo farmaco per il linfoma mantellare

redazione

La Food and Drug Administration americana (FDA) ha concesso l’approvazione accelerata per acalabrutinib, un inibitore della tirosin-kinasi indicato nel trattamento dei pazienti adulti con linfoma a cellule mantellari che hanno già ricevuto almeno un trattamento. 

«L’approvazione da parte di FDA di acalabrutinib per il trattamento di pazienti con linfoma mantellare che non hanno risposto alla terapia o che sono recidivati rappresenta una importante novità nella gestione clinica di questi pazienti», ha detto Robin Foà, Direttore del Centro di Ematologia del Policlinico Umberto 1, Università Sapienza di Roma. «Il linfoma mantellare è un tumore del sangue aggressivo solitamente diagnosticato in uno stadio avanzato e associato ad elevate probabilità di recidiva. Questa nuova possibilità terapeutica - per il momento non disponibile in Europa – potrà offrire nuove prospettive per i pazienti che soffrono di questa patologia. In aggiunta al tasso di riposta globale osservata in pazienti precedentemente trattati, l’alta percentuale di risposte complete (40%) emerso da questo studio dimostra il potenziale di acalabrutinib per il trattamento di pazienti con linfoma mantellare».

L’approvazione dell’FDA si basa sui dati dello studio ACE-LY-004 trial, un trial clinico di fase II in aperto, a braccio singolo che ha preso in esame 124 pazienti adulti con linfoma a cellule mantellari recidivato o refrattario.