Tumore differenziato della tiroide: casi raddoppiati in 20 anni

European Congress of Endocrinology

Tumore differenziato della tiroide: casi raddoppiati in 20 anni

di redazione

Tra il 2 e il 15 per cento dei pazienti con carcinoma differenziato della tiroide sviluppa metastasi ossee. 

È uno dei dati dello studio M.OS.CA.T.I. (Metastasi OSsee da CArcinoma Tiroideo in Italia) il primo studio multicentrico retrospettivo che ha indagato in ‘real life’ la gestione e i risultati del trattamento delle metastasi ossee derivate dal carcinoma differenziato della tiroide (CDT).

Lo studio è stato presentato allo European Congress of Endocrinology in corso in questi giorno a Lisbona. 

Il carcinoma differenziato della tiroide é il secondo tipo di tumore per frequenza nelle donne di età inferiore ai 50 anni dopo il carcinoma della mammella ed in entrambi i sessi si registrano oltre 15.000 nuovi casi l’anno in Italia, con una frequenza circa 3 volte maggiore nel sesso femminile rispetto a quella maschile. I tumori differenziati comprendono carcinomi papillari e follicolari che originano dalle cellule deputate alla produzione degli ormoni tiroidei. 

Nonostante i tumori differenziati della tiroide siano raddoppiati negli ultimi 20 anni, la prognosi è favorevole nella maggior parte dei casi con un tasso di sopravvivenza a 20 anni del 90 per cento. «Abbiamo strumenti efficaci e linee guida consolidate per il trattamento che prevede chirurgia, terapia radiometabolica con iodio radioattivo e terapia soppressiva con L-tiroxina, che contribuiscono a prevenire la comparsa di recidive o metastasi», ha spiegato Andrea Giustina, professore all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano e presidente eletto della European Society of Endocrinology. 

I protocolli prevedono innanzitutto l’asportazione totale o parziale della ghiandola tiroidea alla quale segue la terapia radiometabolica con iodio radioattivo 131 che consente di eliminare eventuali cellule neoplastiche non asportate dall’intervento chirurgico. La terapia radiometabolica ha un doppio vantaggio: terapeutico e diagnostico, consente infatti di eseguire nei giorni successivi alla somministrazione del radio-iodio una scintigrafia total-body che consente di identificare eventuali metastasi passate clinicamente inosservate al momento della diagnosi del tumore tiroideo. 

Nello studio M.OS.CA.T.I. il campione era composto da 143 pazienti di età media 60 anni affetti da metastasi ossee da carcinoma differenziato della tiroide. Nella maggior parte dei casi le metastasi erano multiple e localizzate a livello della colonna vertebrale 

La prima evidenza saltata agli occhi del gruppo di ricercatori italiani è che in circa il 20 per cento dei pazienti con metastasi ossee, il tumore tiroideo si presentava alla diagnosi di piccole dimensioni e con un tipo istologico apparentemente non aggressivo. 

Purtroppo, esiste un gruppo di pazienti altrettanto numeroso nei quali le metastasi ossee perdono la capacita’ di captare lo iodio ed in questi casi la prognosi e’ risultata peggiore sia in termini di complicanze cliniche che di ridotta sopravvivenza. 

La seconda evidenza è stata la comparsa di eventi scheletrici (come micro fratture) è risultata più frequente nei pazienti con metastasi ossee non iodio-captanti ed ha era indicatore di una peggiore prognosi in termini di ridotta sopravvivenza, soprattutto quando le metastasi erano localizzate al femore.  

«Le linee guida propongono l’utilizzo di farmaci attivi sullo scheletro (come bifosfonati e denosumab) anche nei pazienti con metastasi ossee da carcinoma differenziato della tiroide», ha commentato il primo autore della ricerca Gherardo Mazziotti.  «Lo studio M.OS.CA.T.I suggerisce che questa terapia con  oggi è probabilmente sotto-utilizzata e forse anche male utilizzata nelle metastasi ossee da carcinoma tiroideo probabilmente per la mancanza di studi clinici controllati specifici per questo specifico setting di pazienti».