In Usa è allarme Imodium. È usato come droga

Farmaci

In Usa è allarme Imodium. È usato come droga

Dosi eccessive del farmaco danneggiano il cuore. L'FDA corre ai ripari: basta confezioni oversize
redazione

loperamide.jpg

Stanca di ricevere segnalazioni di gravi complicanze cardiache per un abuso intenzionale del prodotto, l’Fda ha imposto nuove regole ai distributori: solo confezioni piccole con il dosaggio necessario.

“Non assumere una dose superiore a quella raccomandata. Dosi eccessive del medicinale possono causare gravi problemi cardiaci che potrebbero essere fatali”. Non è bastato scriverlo in grassetto sul foglietto illustrativo: il farmaco antidiarroico loperamide (nome commerciale Imodium) continua negli Stati Uniti a venire utilizzato in modo improprio, principalmente per attenuare i sintomi dell’astinenza da oppioidi, tanto da essersi guadagnato la fama di “metadone dei poveri”.

Il “caso Imodium” è finito nuovamente sul tavolo degli esperti della Fda che, dopo aver imposto qualche mese fa alle case farmaceutiche di segnalare chiaramente sul bugiardino i rischi di un abuso, propongono ora di intervenire sul packaging riducendo il numero di pillole per confezione. 

I primi allarmi risalgono al 2016 quando uno studio sugli Annals of Emergency Medicine aveva segnalato un aumento preoccupante di casi di abuso negli Usa con conseguenze gravi sulla salute, come forti alterazioni del battito cardiaco e anche morte improvvisa. Loperamide è un farmaco da banco che agisce sui recettori oppioidi nell’intestino e ne rallenta i movimenti riducendo lo stimolo ad evacuare. E proprio per questa sua somiglianza con gli oppiacei, Imodium viene scelto per gestire l’astinenza da droghe, ma anche per raggiungere stati di euforia tipici delle sostanze stupefacenti. Chi vuole provare questi effetti deve ingoiare però centinaia di pillole, andando incontro al rischio di rimetterci la pelle. Nel 2106 l’Fda aveva lanciato una prima nota di allerta in cui avvisava che «assumere dosi in eccesso rispetto a quelle raccomandate del comune farmaco da banco o da prescrizione per la diarrea Imodiom può provocare gravi problemi al cuore e condurre alla morte». 

Lo scorso 30 gennaio l’Fda, tornata a occuparsi di Imodium, ha dichiarato di voler intervenire sulle confezioni, limitando il numero di pasticche a quello previsto dalle raccomandazioni mediche, ovvero un massimo di 8 pillole da 2 mg per chi acquista la medicina senza ricetta, oppure 16 pillole per chi possiede una prescrizione. Dosaggi molto ridotti rispetto ai barattoli che possono arrivare a diverse decine di pasticche attualmente in commercio negli Usa, ma non in Italia dove sono disponibili scatole con al massimo 12 pillole. 

«Se i farmaci vengono confezionati in blister che rispettano la durata prevista nelle raccomandazioni per l’utilizzo - ha dichiarato il commissario Fda Scott Gottlieb - l’abuso viene scoraggiato». 

Le nuove linee guida sul packaging dell’Fda sono già state comunicate ai principali produttori del farmaco e alle piattaforme di vendita on-line con la richiesta di smettere di proporre le pericolose maxi-confezioni.  

«Credo che chiunque distribuisca prodotti per la salute  - ha dichiarato Gottlieb abbia l’obbligo di collaborare per risolvere le più urgenti sfide di salute pubblica, come l’abuso di oppioidi». 

L’ultima mossa dell’ente regolatorio americano arriva dopo anni di segnalazioni di problemi cardiaci e di casi di morte dovuti a un abuso intenzionale del farmaco antidiarroico, nonostante l’aggiunta di inequivocabili avvertenze nel foglietto illustrativo. 

«I pazienti e i consumatori  - si legge nella recente comunicazione - dovrebbero assumere solamente la dose raccomandata dal medico oppure prevista sul foglietto illustrativo per un uso over the counter. Prendere dosi in eccesso rispetto alla prescrizione o al foglietto illustrativo può provocare pericolose aritmie cardiache o la morte. Se la diarrea persiste oltre i due giorni di trattamento, si deve interrompere l’assunzione e contattare il medico di riferimento». 

I segnali di allarme sono svenimento, accelerazione del battito cardiaco, stato di assenza. In questi casi è necessario un intervento di emergenza per evitare il peggio.