Giro d’Italia per una vista in salute

Lotta alla cecità

Giro d’Italia per una vista in salute

di redazione

Glaucoma, retinopatia diabetica e maculopatie affliggono oltre 3 milioni di italiani e 400 milioni di persone nel mondo. Dati in aumento, peraltro, a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, che lasciano intravedere uno scenario minaccioso per quanto riguarda la qualità della vita degli italiani e la sostenibilità della spesa sanitaria.

Da queste premesse prende il via la campagna di prevenzione delle malattie della retina e del nervo ottico, presentata martedì 10 settembre a Roma.

La campagna è promossa dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-Iapb Italia Onlus, interesserà tutte le Regioni italiane e si concluderà nel 2021. Prevede la permanenza in diverse città di ogni Regione di una grande struttura ambulatoriale mobile (un tir hi-tech) dotata di più postazioni, presso la quale sarà possibile effettuare gratuitamente controlli oculistici ad alta tecnologia su retina e nervo ottico. In ogni Regione il tour sarà preceduto da un forum informativo-divulgativo aperto al pubblico, al quale prenderanno parte esponenti della comunità medico-scientifica, i responsabili della gestione dei servizi sanitari regionali e la società civile.

«La vista è un bene prezioso – sottolinea Giuseppe Castronovo, presidente della Iapb Italia - un enorme patrimonio che ereditiamo e dobbiamo preservare sin da piccoli. Da essa ci giunge oltre l’80% delle informazioni che ci pervengono dall’ambiente. Trascurarla potrebbe compromettere irreparabilmente autonomia e indipendenza della persona».

Tre gli obiettivi principali della campagna: far conoscere le principali patologie oculari causa di cecità e ipovisione nella popolazione; accrescere il livello di priorità della prevenzione oftalmica nelle agende sanitarie regionali; utilizzare i dati raccolti per avviare la costituzione di una banca dati nazionale finalizzata a conoscere l’impatto delle patologie. Inoltre, in Abruzzo verrà sperimentato un modello di telemedicina per prevenire e controllare la retinopatia diabetica.

Il 12 settembre a Milano, a Palazzo Lombardia, sarà presentata la prima tappa della campagna.