Nuovo alert sulle sigarette elettroniche. Attenzione alle gengive: il vaping aumenta il rischio di infezioni del cavo orale

La scoperta

Nuovo alert sulle sigarette elettroniche. Attenzione alle gengive: il vaping aumenta il rischio di infezioni del cavo orale

vaping-man.jpg

I cambiamenti del microbioma possono provocare danni di differente entità: dalle carie, alle gengiviti, all’alitosi, ma anche essere fattori di rischio per l'insorgenza di malattie più gravi, dal diabete alle malattie cardiovascolari fino al cancro. 
di redazione

La bocca di un fumatore si riconosce: i segni del tabacco sono ovunque, su gengive, denti, palato e lingua. E, inaspettatamente, il vaping non è da meno: il consumo di sigarette elettroniche altera il microbioma del cavo orale favorendo l’insorgere di infezioni e infiammazioni. Lo hanno scoperto i ricercatori del  NYU College of Dentistry che hanno analizzato i campioni di saliva di 119 persone appartenenti a tre gruppi diversi, “svapatori”, fumatori di sigarette tradizionali, e non fumatori. 

I risultati dello studio pubblicati sulla rivista iScience aumentano la lista delle ragioni che invitano a smettere di considerare sicure le sigarette elettroniche. 

La bocca è l’anticamera dell’organismo e ospita molte specie di microbi che possono colonizzare le vie aeree e il tratto digestivo. 

Per questo è importante mantenere il cavo orale “pulito e in ordine”. 

Finora si pensava che le sigarette elettroniche fossero meno pericolose di quelle tradizionali i cui effetti negativi sulle gengive e sui denti sono invece ben noti. Ma i ricercatori americani hanno dimostrato che le cose stanno diversamente: nel gruppo dei fumatori di vapore la percentuale di gengiviti o di altre infezioni della bocca era comunque alta, pari al 42,5 per cento rispetto al gruppo dei non fumatori (28,2 per cento). Il pericolo maggiore per la bocca continua a essere rappresentato dal tabacco tradizionale (con il 72,5 per cento di persone affette da infezioni orali). 

Utilizzando una tecnica per il sequenziamento del microbioma chiamata sequenziamento ad alto rendimento 16S rRNA, i ricercatori hanno notato differenze tra i partecipanti dei tre gruppi. Per esempio nei fumatori di sigarette elettroniche è stata osservata una maggiore presenza di batteri Porphyromonas gingivalis (responsabili delle parodontiti), mentre è stato registrato un aumento dei batteri Veillonella in entrambi i gruppi di fumatori. 

I ricercatori hanno anche scoperto che le alterazioni del microbioma provocate dalle sigarette elettroniche hanno un impatto sull'ambiente immunitario della bocca. Dagli esami della saliva è infatti emerso un aumento delle citochine IL-6 e IL1β tra gli svapatori. Inoltre le cellule del cavo orale de consumatori di sigarette elettroniche sono più soggette a infezione batterica. 

«Il nostro studio suggerisce che lo svapo di sigarette elettroniche provoca cambiamenti nell'ambiente orale e influenza fortemente la colonizzazione di biofilm microbici complessi, che aumenta il rischio di infiammazione e infezione orale», ha affermato Deepak Saxena, co-autore senior dello studio.

I cambiamenti del microbioma possono provocare danni di differente entità: dalle carie, alle gengiviti, all’alitosi, ma anche essere fattori di rischio per l'insorgenza di malattie più gravi, dal diabete alle malattie cardiovascolari fino al cancro.