Preeclampsia. Diagnosi precoce con un semplice esame del sangue. Meno rischi per mamma e bambino

Innovazione

Preeclampsia. Diagnosi precoce con un semplice esame del sangue. Meno rischi per mamma e bambino

pregnant woman.jpg

La preeclampsia è una sindrome che può insorgere nella seconda metà della gravidanza, caratterizzata dalla contemporanea comparsa di tre condizioni problematiche: pressione alta, elevati livelli di proteine nelle urine e comparsa di gonfiori sul corpo, ga
di redazione

Un esame del sangue per una diagnosi rapida e accurata della gestosi gravidica. È quanto promettono i ricercatori del King’s College di Londra che hanno messo a punto un test capace di riconoscere i segnali della preeclampsia in anticipo e in modo più preciso rispetto a quanto attualmente possibile. Misurando la concentrazione del fattore di crescita placentare (Pgf) nel sangue delle donne incinte, gli scienziati sono riusciti a effettuare la diagnosi di preeclampsia due giorni prima della comparsa dei sintomi. Un lasso di tempo utile per prevenire danni al feto. Il nuovo test è stato descritto sul Lancet.

«Negli ultimi cento anni abbiamo diagnosticato la preeclampsia misurando la pressione sanguigna e controllando i livelli di proteine nelle urine di una donna. Ma è una misurazione piuttosto imprecisa e soggettiva. Sapevamo che il controllo del fattore di crescita placentare poteva essere un modo accurato di individuare la sindrome, ma non sapevamo se rendere questo strumento disponibile ai clinici potesse garantire cure migliori per le donne. Ora lo sappiamo», ha dichiarato Lucy Chappell, docente di ostetricia al King's College London tra gli autori dello studio. 

Conosciuta anche come “gestosi eph” (acronimo di edema, proteinuria, ipertensione) la preeclampsia è una sindrome che può insorgere nella seconda metà della gravidanza, caratterizzata dalla contemporanea comparsa di tre condizioni problematiche: pressione alta, elevati livelli di proteine nelle urine e comparsa di gonfiori sul corpo, gambe, mani o volto. Tra i possibili rischi per la madre e per il feto ci sono il distacco della placenta, danni renali, emorragie e parto prematuro. La complicanza più grave è l’evoluzione nella eclampsia convulsiva che può portare anche alla morte materna. Ogni giorno nel mondo muoiono 100 donne a causa di questa sindrome. È quindi fondamentale intervenire presto, prima che la situazione precipiti. 

I ricercatori inglesi hanno reclutato più di mille donne con un sospetto di preeclampsia da 11 reparti di maternità del Regno Unito. 

Le donne, tutte sottoposte al test del Pgf, sono state divise in maniera casuale in due gruppi: le partecipanti del primo gruppo hanno comunicato ai medici i risultati dell’esame, mentre le altre non lo hanno fatto. 

Dall’analisi è emerso che il test riesce ad anticipare la diagnosi di gestosi in media di 4 - 2 giorni permettendo così di ridurre del 5-4 per cento il rischio di  gravi complicanze prima del parto (come eclampsia, ictus e morte materna).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

I ricercatori sperano che il nuovo esame del sangue entri nella lista dei test di routine indicati alle donne in gravidanza. Le prime reazioni arrivate dall’Nhs sembrano accoglienti: «Questo innovativo test del sangue, come dimostrato in questo studio, aiuta a individuare i rischi della preeclampsia in gravidanza, permettendo alle donne di venire indirizzate a cure appropriate o consentendo loro di evitare inutili preoccupazioni più precocemente», ha dichiarato Tony Young responsabile dell’innovazione dell’Nhs. 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

Il servizio sanitario britannico sembrerebbe quindi caldeggiare una ampia diffusione del test tra le donne in gravidanza, così come desiderato dai ricercatori. 

«Le prove dimostrano che una ampia diffusione del test Pgf può salvare vite umane ed è una grande notizia sapere che l’Nhs  è d’accordo. Molti test sono entrati nella pratica clinica senza una solida valutazione. Questa volta, abbiamo valutato questo nuovo test e dimostrato che può migliorare le cure e gli esiti per le donne incinte e i loro bambini», ha dichiarato Chappell.