Il tagliando che salva il cuore. Un successo il programma britannico "Health Checks"

Il programma

Il tagliando che salva il cuore. Un successo il programma britannico "Health Checks"

measuring-male-patient-blood-pressure.jpg

Non solo controlli regolari, ma anche strumenti digitali innovativi come app e quiz on line per monitorare la propria salute e correggere gli aspetti poco salutari del proprio stile di vita
di redazione

Un “tagliando” ogni cinque anni per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. È quanto propone il programma Health Checks del servizio sanitario inglese indirizzato a tutte le persone tra i 40 e i 74 anni di età. 

Chi possiede queste caratteristiche anagrafiche riceve via posta l’invito del proprio medico di famiglia a sottoporsi a controlli periodici per valutare i fattori di rischio di ictus e infarto, come pressione, colesterolo, indice di massa corporea e così via. 

Un impegno non da poco che, tuttavia, a quanto pare non ha deluso le aspettative. La campagna di prevenzione lanciata nel 2009 ha infatti centrato in pieno gli obiettivi: i cittadini inglesi che hanno partecipato all’iniziativa hanno rinunciato ad abitudini nocive, adottando stili di vita più salutari. 

La conferma arriva da studio pubblicato su PLOS Medicine in cui sono state messi a confronto i dati di 123mila partecipanti che si sono sottoposti agli health check tra il 2010 e il 2016 con quelli di 323mila adulti che hanno saltato gli appuntamenti consigliati dall’NHS. 

I ricercatori hanno osservato che le persone che avevano aderito al programma erano in generale più sane di quelle che avevano rifiutato le visite: avevano un indice di massa corporea più basso e valori di pressione arteriosa migliori rispetto al gruppo di controllo. La percentuale dei fumatori era del 21 per cento nel gruppo che si è sottoposto a controlli e del 27 per cento nell’altro. Inoltre, i cittadini che avevano rispettato l’appuntamento per il check-up erano cinque volte più inclini degli altri a ricevere consigli sul controllo del peso e tre volte più disposti ad ascoltare indicazioni su come smettere di fumare. 

Indubbiamente è un buon risultato, ma per assicurarsi vantaggi maggiori sarebbe necessario coinvolgere nel programma anche le persone refrattarie ai controlli, generalmente in condizioni di salute peggiori delle altre. 

«Questi risultati dimostrano che il programma Health Check dell’Nhs può potenzialmente ridurre il rischio cardiovascolare attraverso la valutazione e la gestione precoce dei fattori di rischio. Tuttavia, il programma potrebbe beneficiare e dovrebbe essere sostenuto con interventi mirati a livello di popolazione per migliorarne i suoi risultati. Le persone che effettuano un controllo sanitario possono essere più salutari degli altri ma hanno maggiori probabilità di ricevere interventi sui fattori di rischio. Le riduzioni del rischio fino a sei anni dopo un controllo sanitario possono essere di importanza per la salute pubblica, ma dobbiamo assicurarci che questi benefici siano condivisi dalle persone più a rischio», osserva Martin Gulliford della School of Population Health and Environmental Sciences del King's College London.

Sul sito dell’Nhs dedicato al programma “Health Check” viene offerta un’ampia gamma di strumenti, tra app e test on line, per monitorare la propria salute e correggere gli aspetti poco salutari del proprio stile di vita. C’è un test facile e rapido per stabilire l’età del proprio cuore con tanto di consigli utili a ringiovanirlo nel caso risultasse avere qualche anno di troppo rispetto a quelli indicati sul documento di identità. C’è un quiz per valutare come ci si sente e alcune app per aumentare l’attività fisica o per smettere di bere o di fumare. Insomma, c’è tutto l’occorrente per mantenersi in forma tra un controllo e l’altro.