Obesità e diabete: una molecola prodotta dal grasso favorisce la resistenza all’insulina

Lo studio

Obesità e diabete: una molecola prodotta dal grasso favorisce la resistenza all’insulina

Uno studio chiarisce il meccanismo molecolare del processo infiammatorio
redazione

fat.jpg

Un team di ricerca internazionale ha individuato un nuova adipochina secreta dalle cellule adipose associata all’insorgere della resistenza all’insulina e all’infiammazione sistemica. Lo studio apre le porte a possibili nuove terapie

I diabetologi sono impegnati da tempo a studiare il meccanismo molecolare che lega l’obesità al diabete. Ora, uno studio internazionale a cui ha partecipato il Deutsches Zentrum fuer Diabetesforschung (Dzd) aggiunge un nuovo tassello a un puzzle ancora incompleto. 

I ricercatori hanno individuato una nuova adipochina, molecola prodotta dal tessuto adiposo, che favorisce l’insorgere dell’insulino-resistenza e dell’infiammazione sistemica. In presenza di grave obesità questa molecola viene secreta dagli adipociti,  cellule del tessuto adiposo, e rilasciata nel sangue. 

Lo studio, pubblicato su Diabetologia, potrebbe aiutare a chiarire i passaggi del processo infiammatorio a catena originato dai chili in eccesso. 

I dettagli della pubblicazione non sono alla portata dei profani. Ma la novità più importante emerge chiaramente: gli scienziati hanno identificato una particolare proteina, chiamata Wisp1, come una adipochina pro-infiammatoria e ne hanno osservato gli effetti sull’organismo, verificando se i suoi livelli nel sangue fossero anomali nelle persone con diabete 2 e monitorando le eventuali conseguenze di questa alterazione.

Dall’analisi è emerso per la prima volta che Wisp 1 altera in modo diretto l’azione dell’insulina nelle cellule dei muscoli e nel fegato provocando la riduzione di sensibilità all’insulina e aprendo così le porte al diabete. 

Il sospetto che Wisp 1 fosse coinvolta negli ingranaggi del meccanismo che lega obesità e risposta infiammatoria  era emerso per la prima volta nel 2015, quando si pensava che la molecola fosse associata alla crescita delle ossa e allo sviluppo di alcune forme di cancro e della fibrosi polmonare. Con lo studio attuale, i ricercatori hanno dimostrato che la proteina-adipochina Wisp 1 ha un ruolo chiave nel processo obesità-diabete perché annulla l’inibizione indotta dall’insulina della produzione di glucosio. Il fenomeno è stato osservato nel fegato dei topi e nelle cellule dei muscoli umani. 

Inoltre i ricercatori hanno dimostrato che la quantità di Wisp 1 è correlata al livello di glucosio valutato con il test di tolleranza del glucosio e al livello della eme-ossigenasi 1, enzima che promuove l’infiammazione soprattutto nelle persone obese. 

«Abbiamo il sospetto che un aumento della produzione di Wisp 1 dal grasso addominale - ha dichiarato Tina Hörbelt del German Diabetes Center Düsseldorf partnre del Dzd, tra gli autori dello studio - potrebbe essere una delle ragioni per cui spesso le persone sovrappeso hanno un metabolismo del glucosio alterato. Una delle possibili cause dell’aumento della produzione di Wisp 1 e della secrezione dalle cellule del grasso addominale potrebbe essere un scarso apporto di ossigeno (ipossia) ai tessuti. E ciò potrebbe provocare una risposta infiammatoria sistemica». 

Lo studio apre possibilità alla ricerca di nuove soluzioni per il trattamento del diabete. Wisp 1 potrebbe infatti diventare un nuovo target terapeutico nel tentativo di prevenirne gli effetti nocivi sulle cellule del fegato e dei muscoli.