Potrebbe esserci un’associazione tra allergie e autismo

Lo studio

Potrebbe esserci un’associazione tra allergie e autismo

Ma non significa che uno sia la causa dell’altro
redazione

autism.jpg

L’11% di bambini con autismo soffre di allergie alimentari in confronto al 4 per cento dei bambini senza autismo. È l’indizio di un possibile collegamento tra anomalie del sistema immunitario e il disturbo del neurosviluppo. Ma, per ora, nulla di più

L’associazione tra le alterazioni del sistema immunitario e l’autismo è da tempo al centro dell’interesse degli epidemiologi. Gli ultimi a occuparsene sono gli autori di uno studio pubblicato su Jama Network Open che suggerisce l’esistenza di un legame tra le allergie alimentari e il disturbo neurologico dello sviluppo. I ricercatori hanno osservato che i bambini allergici hanno il doppio delle probabilità di sviluppare l’autismo rispetto ai bambini che non soffrono di allergie. 

Si tratta, diciamolo subito, di uno studio osservazionale che non dimostra un legame di causa ed effetto tra i due fenomeni. Non si può cioè affermare che l’allergia scateni l’autismo, né viceversa. Si può solo constatare che tra i bambini autistici c’è una percentuale maggiore di bambini allergici. 

Il dato potrebbe essere l’indizio, ma non la prova, di una connessione tra le reazioni anomale del sistema immunitario e i disturbi dello spettro autistico. 

I ricercatori hanno analizzato le condizioni di salute di quasi 200mila bambini tra i 3 e i 17 anni dal 1997 al 2016. Le informazioni sono state raccolte dal  U.S. National Health Interview Survey. È emerso che su 1.868 bambini con autismo, 216 (ovvero l’11%) aveva allergie alimentari. Si tratta di una percentuale più che doppia rispetto ai bambini senza autismo. In questo caso infatti la diffusione delle allergie scende al 4 per cento. 

I bambini con autismo hanno anche una maggiore probabilità di soffrire di allergie della pelle, come eczema rispetto ai bambini senza autismo. 

Sullo sfondo di questo studio ci sono i dati statistici sulla diffusione delle due patologie, autismo e allergie, negli ultimi anni. Entrambe in costante crescita. 

Il numero di bambini con autismo è più che raddoppiato dal 2000 a oggi, arrivando a una prevalenza di 16,8 casi ogni 1.000 bambini. 

Nel frattempo il numero dei bambini allergici è passato dal 3,4 per cento tra il 1997 e il 1999 al 5,1 per cento tra il 2009 e il 2011.

Non si può sapere, ribadiscono gli autori, se sviluppare un’allergia contribuisca allo sviluppo dell’autismo o viceversa, oppure se esiste un’altra causa all’origine di entrambe le patologie. 

«Le cause del disturbo dello spettro autistico restano sconosciute -ha detto Wei Bao dell’Università dell’Iowa tra gli autori dello studi». 

Alcuni studi precedenti sugli animali e sugli esseri umani avevano suggerito la possibilità di un legame tra vari disturbi del sistema immunitario e l’autismo. 

Per esempio è stato notato un maggior rischio di autismo nei bambini con una storia famigliare di diabete 1 o con madri affette da artrite reumatoide o celiachia.

Christopher McDougle, direttore del Lurie Center for Autism at Massachusetts General Hospital in Boston e autore di un editoriale di accompagnamento allo studio, è convinto che l’associazione tra allergie e autismo meriti di essere mantenuta sotto i riflettori, ma è attento al messaggio che bisogna consegnare ai lettori: «Lo studio sostiene l’ipotesi che differenti anomalie nel sistema immunitario si verifichino in soggetti con autismo - ha detto McDougle - Le allergie al cibo, respiratorie o della pelle sono comuni nella popolazione generale, ma non significa che i bambini che hanno queste allergie sviluppino l’autismo».