Una scuola per far crescere gli scienziati di domani

Ricerca

Una scuola per far crescere gli scienziati di domani

redazione

Gli iscritti alle nostre scuole superiori sono al 27° posto nella graduatoria dei 35 Paesi che fanno parte dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) per la preparazione e la performance nelle materie scientifiche e solo il 4% di loro sono “top performer” con voti superiori alla media.

Un abisso, obiettivamente, certificato dall'ultimo Rapporto Ocse-Pisa, dal quale uscire deve essere tutt'altro che semplice. A dare una mano ci prova la prima International Summer School “Summer in Science”, che si svolge dal 12 al 23 giugno al Campus di ricerca “A. Buzzati-Traverso” di Monterotondo, alle porte di Roma. Una vera e propria full immersion nelle biotecnologie, nella biologia molecolare e cellulare e nella genetica per venti studenti selezionati del penultimo anno delle scuole superiori.

“Summer in Science”, joint venture che unisce pubblico e privato, è ideata da Adamas Scienza e organizzata in sinergia con lo European Molecular Biology Laboratory (EMBL) e con il supporto di Amgen Foundation. Il programma è realizzato con la collaborazione dell’Istituto di Biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), con la partecipazione dell'università romana della Sapienza.

«Uno degli obiettivi formativi del nostro approccio – spiegano Tommaso Nastasi e Rossana De Lorenzi, cofondatori di Adamas Scienza – è quello di stimolare gli studenti all’autonomia e al pensiero critico». Gli studenti, «grazie agli stimoli che offre un ambiente come quello del nostro Campus, comprenderanno in maniera molto concreta la dimensione internazionale di molte ricerche di alto livello – interviene Philip Avner, direttore della sede italiana dell'EMBL – e come i ricercatori e gli studenti provenienti da diversi Paesi si riuniscono all’EMBL per vivere la loro passione per la scienza, con l’obiettivo di avanzare nella Ricerca di base e traslazionale».

“Summer in Science” prevede un programma integrato di seminari, approfondimenti critici e attività pratiche di laboratorio messe a punto da Adamas Scienza. Le attività sono divise in due fasi: una prima fase con formazione e approfondimenti nei laboratori didattici attrezzati presso il Campus Buzzati-Traverso; una seconda fase con stage presso laboratori di ricerca aderenti al progetto e tutoraggio della fase di reporting.

«Amgen, come azienda biotecnologica e innovativa, sente il dovere e la responsabilità di contribuire, supportare e ispirare la prossima generazione di scienziati. Per questo siamo orgogliosi di sostenere “Summer in Science” – dichiara Andrè Dahinden, amministratore delegato Amgen Italia – è importante che gli studenti abbiano la possibilità di fare esperienza pratica della scienza, devono entrare in laboratorio, toccare con mano per capire i processi, sviluppare la propria abilità di porsi domande, organizzare le idee e risolvere problemi».