Gel igienizzanti: attenzione agli occhi dei bambini. In aumento i casi di irritazioni anche gravi

Il rischio

Gel igienizzanti: attenzione agli occhi dei bambini. In aumento i casi di irritazioni anche gravi

Due studi su Jama Ophtalomolgy invitano a non trascurare i rischi dei prodotti idroalcolici sui bambini. Se il prodotto finisce negli occhi può procurare danni anche gravi. Come limitare i rischi? Intanto evitando di posizionare i gel all’altezza del volto dei più piccoli

Hand sanitizer.jpg

Immagine: ديفيد عادل وهبة خليل 2, CC0, via Wikimedia Commons
di redazione

Il paziente ha quattro anni, un’infezione in corso all’occhio destro, prova dolore quando è esposto alla luce, la palpebra è gonfia e mostra segni di una lesione dell'epitelio corneale. Il caso riportato su Jama Ophthalmology somiglia a quello di molti altri accaduti con particolare frequenza in molti ospedali oftalmici in tutto il mondo negli ultimi tempi. 

La bambina ha infatti subito un danno temporaneo all’occhio, guarito in due settimane dopo un intervento chirurgico, entrando a contatto con un gel idroalcolico contenuto in uno dei tanti dispenser posizionati all’ingresso dei locali pubblici. Non ci sono i numeri per un allarme vero e proprio, ma due studi ospitati sull’ultimo numero di Jama Ophtalmology invitano a prestare attenzione ai rischi per gli occhi dei bambini dei prodotti per l’igiene delle mani. A volte i dispenser, soprattutto quelli a pedale, si trovano al di sopra della testa dei bambini e una goccia del gel può inavvertitamente finire nell’occhio provocando danni più o meno gravi (si può arrivare anche a un’ulcera della cornea che richiede intervento chirurgico).  

Dato che le sostanze disinfettanti continueranno a essere usati ovunque ancora a lungo, è bene chiedersi quali siano i rischi per i bambini e cosa fare per proteggerli. 

I ricercatori del French Poison Control Centers hanno osservato per il 2020 un aumento di 7 volte di casi di infiammazione agli occhi nei bambini provocata da prodotti igienizzanti per le mani rispetto al 2019. Questo aumento dei casi si è tradotto in aumento del 13 per cento di interventi chirurgici. I gel igienizzanti non contengono sostanze caustiche responsabili di intossicazioni e lesioni irreparabili, ma composti irritanti comunque dannosi. 

«Utilizzando due set di dati complementari, abbiamo osservato un aumento di 7 volte nel numero di esposizioni oculari a gel igienizzanti nei bambini con diversi casi di gravi lesioni corneali, mentre tali esposizioni in precedenza erano aneddotiche. Questo aumento è stato notato soprattutto dopo la fine del lockdown in Francia ed è stato associato a un numero crescente di dispenser disponibili nei luoghi pubblici», scrivono i ricercatori francesi. 

Secondo gli autori dello studio la maggior parte degli incidenti avviene quando il contenitore è posizionato all’altezza del volto dei bambini. 

Immagine: @ Yangzes S, Grewal S, Gailson T, Grewal SPS. Hand Sanitizer–Induced Ocular Injury: A COVID-19 Hazard in Children. JAMA Ophthalmol. Published online January 21, 2021. doi:10.1001/jamaophthalmol.2020.6351

Il danno poi è aggravato dal fatto che spesso non è immediatamente disponibile dell’acqua per lavare l’occhio, una procedura che sarebbe di grande utilità per limitare il danno. I prodotti igienizzanti, secondo le raccomandazioni dell’Oms, dovrebbero contenere l’80 per cento di etanolo o il 75 per cento di isopropanolo, due tipo di alcool altamente irritanti.

L’etanolo, per esempio, ha un effetto citotossico immediato sulle cellule epiteliali corneali, ne riduce la proliferazione e induce apoptosi (morte cellulare). Altri additivi irritanti, tra cui il perossido di idrogeno, il polietilenglicole (per aumentare la viscosità), i profumi o gli oli essenziali possono aumentare la tossicità dei disinfettanti. 

Nell'altro studio due scienziati del Grewal Eye Institute di Chandigarh, in India, descrivono due casi clinici che riguardano due bambini di 4 e 5 anni, entrambi sottoposti a un intervento chirurgici delicato per riparare le lesioni corneali causate dal gel idroalcolico. 

«In entrambi i bambini nel nostro caso clinico, non ci sono state conseguenze a lungo termine, ma non è difficile immaginare una situazione in cui l’intervento viene ritardato aumentando la possibilità di complicazioni a lungo termine della superficie corneale e oculare. Raccomandiamo che i bambini siano sempre assistiti da un adulto durante l'utilizzo dei geli idroalcolici. Il lavaggio delle mani con acqua e sapone dovrebbe essere promosso come misura preventiva di prima linea più sicura. Man mano che le nazioni si preparano ad aprire luoghi pubblici e scuole, è necessario considerare i rischi dei disinfettanti per le mani e adottare misure preventive appropriate», dichiarano i ricercatori.