Rari ma tanti. Ogni anno 89 mila nuovi casi di tumori rari

Giornata Malattie Rare

Rari ma tanti. Ogni anno 89 mila nuovi casi di tumori rari

Airc.jpg

Immagine: Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro
di redazione

Su quattro pazienti malati di cancro uno ha un tumore raro. In Italia si stima che ci siano circa 900mila persone colpite da queste forme con approssimativamente 89mila nuovi casi registrati ogni anno. In occasione della giornata mondiale delle malattie rare Airc invita a tenere alta l’attenzione su patologie che sono rare per definizione (sono considerati rari i tumori che in un anno colpiscono meno di sei persone ogni 100mila) ma che complessivamente colpiscono un numero non certo basso di persone: su quattro pazienti malati di cancro uno ha un tumore raro. 

L’unica strada per curare le forme rare di tumore è quella di potenziare la ricerca per comprenderne i meccanismi e sviluppare cure sempre più specifiche. Rientra in questi obiettivi il programma per la ricerca di nuove cure per lo pseudomixoma, un tumore raro dell’appendice. I ricercatori analizzeranno il DNA e l’RNA dei tumori di 600 pazienti per identificare nuovi bersagli terapeutici e sviluppare farmaci in grado di aggredire questo tipo di neoplasia rara.

«Per la loro incidenza – spiega Marcello Deraco, ricercatore AIRC presso l’I.R.C.C.S. Istituto Nazionale dei Tumori di Milano a capo del progetto di ricerca – si tratta di patologie che sono state studiate poco e a cui le aziende farmaceutiche guardano con scarso interesse. Da qui, l’importanza del sostegno fornito da charity come Fondazione AIRC che tiene alta l’attenzione su tumori molto complessi». 

Per comprendere meglio i meccanismi molecolari che sono alla base del cancro è indispensabile implementare la ricerca di base per definire nuovi approcci terapeutici più mirati. Fondazione AIRC ha recentemente investito oltre 125 milioni di euro per sostenere circa 5.000 ricercatori che stanno lavorando per rendere il cancro sempre più curabile.