Vaccini Covid. Chi avuto una reazione allergica alla prima dose, non corre rischi con la seconda

La rassicurazione

Vaccini Covid. Chi avuto una reazione allergica alla prima dose, non corre rischi con la seconda

Vaccination_Covid_19_Hôpitaux_universitaires_de_Strasbourg_8_janvier_2021.jpg

Immagine: Claude Truong-Ngoc / Wikimedia Commons - cc-by-sa-4.0, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons
di redazione
Chi ha manifestato i sintomi di una reazione allergica alla prima dose, di un vaccino a mRNA, anche in caso di anafilassi, può fare in sicurezza la seconda dose. Completare il ciclo non comporta rischi. Il secondo appuntamento con il vaccino è in genere tollerato meglio

La seconda dose dei vaccini a mRNA (Pfizer/BioNTech o Moderna) è sicura per chi ha avuto una reazione allergica alla prima. Anche in caso di anafilassi, un evento estremamente raro che è stato stimato accade in media in 2,5 persone ogni 10mila, il secondo appuntamento con il vaccino è ben tollerato. La rassicurazione arriva da uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine condotto in  diversi ospedali americani e guidato dal Massachusetts General Hospital (MGH). 

I ricercatori hanno monitorato gli effetti della seconda dose del vaccino su 189 persone che avevano manifestato qualche reazione allergica alla prima dose e che avevano contattato un allergologo per avere indicazioni su cosa fare. Le reazioni più frequenti erano eritemi cutanei o vampate di calore. Ma 32 persone (17%) avevano avuto uno shock anafilattico. In tutto, 159 persone hanno ricevuto la seconda dose del vaccino e tra questi c’erano 19 persone con una diagnosi di anafilassi alla prima dose. Completare il ciclo vaccinale non ha comportato alcun rischio per nessuno dei partecipanti allo studio. I 32 pazienti che hanno manifestato alcuni sintomi compatibili con una reazione allergica alla seconda dose hanno avuto reazioni leggere che si sono risolte rapidamente con degli antistaminici. 

L’allergia ai vaccini, quindi, sembrerebbe distinguersi da quella “classica” in cui normalmente le esposizioni all’allergene successive al primo contatto scatenano reazioni analoghe se non più acute. Per i vaccini avviene il contrario, la seconda dose viene tollerata meglio della prima.  

«Un punto importante di questo studio è che queste reazioni al vaccino a mRNA a esordio immediato potrebbero non essere meccanicamente causate dall'allergia classica, chiamata ipersensibilità immediata o ipersensibilità mediata da Ig-E. Per l'allergia classica, la riesposizione all'allergene provoca lo stesso o addirittura sintomi peggiori», afferma Kimberly G. Blumenthal, co-autore senior dello studio. 

I risultati di questo studio suggeriscono che per la maggior parte delle persone è sicuro ricevere una seconda dose del vaccino a mRNA contro Covid-19. «Dopo le reazioni alla prima dose, gli specialisti allergologici possono essere utili per valutare i rischi e i benefici e assistere i pazienti nel completamento della vaccinazione in sicurezza», osserva Aleena Banerji, la co-autrice senior dello studio. 

Secondo i dati di una research letter pubblicati recentemente su Jama, le reazioni allergiche ai vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna avvengono nel 2 per cento dei casi. L’anafilassi avviene molto più raramente, con una casistica dello 0,025 per cento. Queste percentuali sono state ricavate da uno studio su un campione di 65mila persone che hanno risposto a specifici questionari sugli effetti della prima dose del vaccino. 

È normale che in studi come questi emergano tassi di reazioni allergiche superiori a quelli indicati dai sistemi di farmacovigilanza basati sulla segnalazione spontanea nei quali l’evento avverso può passare inosservato semplicemente perché nessuno lo riporta. I Centers for Disease Control and Prevention hanno infatti registrato un'incidenza di anafilassi da 2,5 a 11,1 per milione di dosi. «Il tasso di incidenza di anafilassi confermata in questo studio è maggiore di quello riportato dai Centers for Disease Control and Prevention basato su metodi passivi di segnalazione spontanea. Tuttavia, il rischio complessivo di anafilassi per un vaccino a mRNA rimane estremamente basso e ampiamente paragonabile ad altre comuni trattamenti sanitari», spiegavano gli autori della lettera su Jama. La maggior parte delle segnalazioni di anafilassi riguarda persone con una storia di allergia

Secondo gli allergologi, gli elementi che possono scatenare le allergie sono due: il polietilenglicole, un additivo contenuto in dosi minime nei vaccini Pfizer e Moderna, e gli oggetti in lattice che possono entrare in contatto con chi si sottopone al vaccino.