Il colesterolo alto si batte anche sul tempo: l’uso precoce di nuovi super farmaci ne migliora l’efficacia e può salvare da un secondo infarto, ictus e morte 

Lo studio

Il colesterolo alto si batte anche sul tempo: l’uso precoce di nuovi super farmaci ne migliora l’efficacia e può salvare da un secondo infarto, ictus e morte 

di redazione

Abbassare il colesterolo e abbassarlo in fretta. Perché anche il tempo è importante per prevenire ictus e infarto. A scongiurare il rischio che i sopravvissuti a un primo infarto, muoiano o tornino in ospedale per un secondo episodio o per un ictus, potrebbero riuscirci i nuovi famarci anti-PCSK9. Così suggeriscono i risultati preliminari dello studio multicentrico italiano AT-TARGET-IT, in corso di pubblicazione, e presentati all’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), a Roma fino al 17 dicembre. 

 Si tratta del primo e più ampio studio real-life mai realizzato fino ad oggi in pazienti ricoverati per infarto, in trattamento con i due nuovi farmaci anti-PCSK9, la proteina che blocca i recettori che catturano il colesterolo impedendone l’accumulo nell’organismo.

L’indagine ha coinvolto 771 pazienti ricoverati con sindrome coronarica acuta in 28 centri italiani, seguiti per circa un anno a cui sono stati somministrati, subito dopo l’infarto, i nuovi farmaci anti-PCSK9, in aggiunta alle terapie orali convenzionali. 

«I pazienti arruolati, al momento della prima prescrizione di anti-PCSK9, avevano valori di colesterolo LDL in media di 137 mg/dl, raggiungendo dopo poco più di un mese 45 mg/dl, valore che si conservava stabile fino all’ultimo controllo. Nei pazienti che assumevano pcsk9i secondo questa modalità fast track si evidenziava una sostanziale riduzione ad un anno dei maggiori eventi cardiovascolari proporzionale al grado di abbassamento del colesterolo LDL. Dunque un primo dato dal mondo reale della fattibilità ed efficacia del nuovo paradigma di “colpire forte e colpire presto” proposto dalle linee guida nei pazienti con infarto», commenta Pasquale Perrone Filardi, presidente SIC e direttore della scuola di specializzazione in malattie dell’apparato cardiovascolare dell’Università Federico II di Napoli, a capo dello studio.  

 I farmaci hanno hanno presentato nei due terzi dei pazianti una riduzione media del livello del colesterolo del 69 per cento dopo 37 giorni dall’inizio della terapia. «Valore che si è mantenuto costante per tutti gli 11 mesi del follow-up, con una aderenza record superiore al 90 per cento, spiegabile sostanzialmente con la scarsa quantità di effetti collaterali rispetto alle statine e una modalità di somministrazione meno impegnativa, con una iniezione sottocutanea ogni due settimane anziché una pillola al giorno.  Questi dati dimostrano per la prima volta risultati straordinari e tempestivi nel controllo del colesterolo nel mondo reale, in pazienti ad alto rischio che avevano già subito un evento cardiovascolare», sottolinea Gianfranco Sinagra, direttore del dipartimento cardiotoracovascolare Asugi e Università di Trieste. 

Bpco, l'emergenza sconosciuta

Bpco malattia dell'anziano?