Fondazione italiana per il cuore: adottare comportamenti che proteggono e aiutano a prevenire i rischi per la salute cardiovascolare

L'appello

Fondazione italiana per il cuore: adottare comportamenti che proteggono e aiutano a prevenire i rischi per la salute cardiovascolare

di redazione

Quest’anno il messaggio della Giornata mondiale per il cuore, promossa in Italia dalla Fondazione italiana per il cuore (Fipc), sarà “Per il cuore, con il cuore, per te”: un invito ad adottare tutti quei comportamenti che, riducendo i fattori di rischio, consentono di condurre uno stile di vita salutare che aiuta a prevenire l’insorgenza o l’aggravarsi di patologie cardiovascolari.

La Fondazione sta analizzando i risultati di una indagine conoscitiva condotta via web con 3 mila interviste allo scopo di scoprire quanto la popolazione italiana sia consapevole di questo rischio. «Conoscere la reale consapevolezza della popolazione sul rischio cardiovascolare ci aiuterà a comprendere meglio come perfezionare il processo di sensibilizzazione che conduciamo sul tema per adottare le strategie più idonee. Il valore aggiunto che ci forniranno i risultati di questa indagine – spiega Emanuela Folco, presidente della Fondazione - è nella capacità di fornirci una approfondita comprensione dei comportamenti di prevenzione del cittadino, delle barriere esistenti e delle possibili leve che possiamo utilizzare per educare la popolazione all’importanza della prevenzione cardiovascolare».

Comportamenti salutari come non fumare, seguire la dieta mediterranea evitando cibi ultra processati, svolgere una regolare, anche se moderata, attività fisica, limitare il consumo di alcool e bevande zuccherate e adottare strategie utili a gestire lo stress quotidiano «sono tutte azioni efficaci – sottolinea Folco - che ci aiutano a prenderci cura della nostra salute e del nostro cuore in particolare».

Altro importante messaggio della Giornata mondiale per il cuore 2023 è indirizzato a chi già soffre di una patologia cardiovascolare e che può fare molto per proteggere e difendere il proprio cuore e la propria qualità di vita.

«Convivere bene con una patologia cardiovascolare è oggi più che mai possibile se, oltre al corretto comportamento di prevenzione, si associa una cura adeguata» assicura Paolo Magni, coordinatore del Comitato scientifico della Fondazione italiana per il cuore. «È possibile - precisa – perché sono disponibili molte terapie che possono essere personalizzate a misura di paziente, anche se è fondamentale che vengano seguite con attenzione»: non interrompere o modificare le terapie prescritte e, in casi di dubbi o difficoltà a mantenere la cosiddetta aderenza terapeutica, rivolgersi al proprio medico curante.

La Giornata mondiale per il cuore (World Heart Day) è celebrata il 29 settembre di ogni anno. Si concretizza in una Campagna mondiale di informazione e sensibilizzazione sulla prevenzione delle malattie cardio-cerebro vascolari, promossa dalla World Heart Federation e da oltre 200 organizzazioni nazionali di oltre cento Paesi. In Italia è promossa dalla Fondazione italiana per il cuore, membro nazionale della World Heart Federation e del Comitato organizzatore del World Heart Day a livello internazionale, con la collaborazione di Conacuore (Coordinamento nazionale delle associazioni di volontariato dei cardiopatici) che raggruppa circa ottanta Associazioni di pazienti e Fondazione Giovanni Lorenzini.

Bpco, l'emergenza sconosciuta

Bpco malattia dell'anziano?