Da Vancouver a Bangalore. Così le città possono promuovere la salute dei cittadini

Il riconoscimento

Da Vancouver a Bangalore. Così le città possono promuovere la salute dei cittadini

The_Spirit_of_Bengaluru_(Bangalore).jpg

Immagine: Nagesh Kamath, CC BY-SA 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0>, via Wikimedia Commons
di redazione
«I sindaci possono promuovere importanti progressi per proteggere la salute dei propri cittadini», dice il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus

Montevideo, in Uruguay, per la politica alimentare; Città del Messico, per la sicurezza stradale; Vancouver, in Canada, per sorveglianza sanitaria; Atene per la prevenzione dell’overdose; Bangalore, in India, per il controllo del tabacco.

Sono queste le cinque città premiate durante il vertice inaugurale della Partnership for Healthy Cities a Londra per i loro risultati nella prevenzione delle malattie non trasmissibili e degli infortuni. Il vertice ha riunito sindaci e funzionari di oltre 50 grandi città per discutere delle buone pratiche per creare città più sane.

La maggior parte della popolazione mondiale vive in contesti urbani e garantire la salute e il benessere dei residenti nei centri urbani è una priorità di salute pubblica su scala globale. Le malattie non trasmissibili, come malattie cardiache, ictus, cancro, diabete e malattie respiratorie croniche, i traumi sono responsabili di oltre l'80% di tutti i decessi a livello globale. Le città sono in una posizione unica per trasformare la lotta contro le malattie non trasmissibili e gli infortuni implementando politiche per ridurre significativamente l'esposizione ai fattori di rischio. 

«Le malattie e gli infortuni non trasmissibili rappresentano la minaccia numero uno per la salute pubblica globale. I sindaci di tutto il mondo si stanno sempre più unendo per affrontarlo e la Partnership for Healthy Cities continuerà a sostenere il loro lavoro urgente e salvavita», ha affermato Michael R. Bloomberg, fondatore di Bloomberg LP e Bloomberg Philanthropies, 108° sindaco di New York City e Ambasciatore Oms per le malattie non trasmissibili e gli infortuni. «Il primo vertice in assoluto della nostra rete ha messo in mostra il meglio della leadership della sanità pubblica locale e, visti i risultati ottenuti dai vincitori del nostro premio inaugurale, ci aspettiamo che ancora più leader seguano le loro orme mentre creano città più sane e vivaci».

«Le cinque città che oggi vengono riconosciute dimostrano che i sindaci possono promuovere importanti progressi per proteggere la salute dei propri cittadini», ha affermato il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. «L’Oms rimane impegnata a lavorare con la Partnership for Healthy Cities per supportare i sindaci in tutto  il mondo per costruire città che promuovano e proteggano la salute, piuttosto che danneggiarla».

Immagine: David G. Gordon, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Fondata nel 2017, la Partnership for Healthy Cities è una rete globale composta da 70 città che lavorano insieme per prevenire malattie non trasmissibili e infortuni. Durante il vertice, cinque città di queste sono state premiate con il premio Partnership for Healthy Cities 2023 per l'impatto positivo sulla salute della loro popolazione e per aver compiuto progressi sostenibili e duraturi nel contrasto delle malattie non trasmissibili e la prevenzione degli infortuni che possono essere replicati in altre città.

Le vincitrici

La prima città a ricevere il premio è Atene, per avere aumentato l'accesso all'agente di contrastare l'overdose da oppioidi, il naloxone. La città ha anche iniziato a ricercare le cause di morte tra le persone fanno uso di droghe iniettabili per comprendere meglio l'impatto della crisi da overdose.

Bangalore, in India, per gli loro sforzi profusi per il controllo del tabacco.

Città del Messico è stata premiata per il miglioramento della sicurezza stradale e della mobilità attiva e sicura. Tra gli interventi, l'avvio di una pista ciclabile su una delle strade trafficate della città che ha portato a un aumento del 275% dei ciclisti e il miglioramento della gestione delle strade in prossimità delle scuole.

Il riconoscimento a Montevideo, in Uruguay, ha premiato le iniziative per il miglioramento dell’alimentazione, con la preparazione e la vendita di alimenti sani negli uffici delle agenzie governative e in alcune università pubbliche, le politiche di riduzione del sodio e lo sviluppo di campagne mediatiche e materiali educativi.

Infine, Vancouver, in Canada, per aver reso i dati sulla salute pubblica più inclusivi e accessibili lanciando uno strumento online di dati sulla salute pubblica che monitora gli indicatori di salute della popolazione.