Aneurisma dell’aorta toracica, scoperta una nuova causa

Ricerca

Aneurisma dell’aorta toracica, scoperta una nuova causa

di redazione

Una ricerca internazionale che ha coinvolto l’Università Statale di Milano e l’IRCCS Istituto Auxologico Italiano ha identifica una nuova causa predisponente alla formazione di aneurismi dell’aorta toracica: un deficit di alcune proteine causato da un difetto ereditario. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications

   In particolare, la ricerca ha scoperto che la formazione di aneurismi dell’aorta toracica può essere conseguenza dell’accumulo di stress ossidativo provocato dal deficit di specifiche proteine denominate selenoproteine. Si tratta di una famiglia di proteine che includono un raro amminoacido contenente selenio, la selenocisteina, e che sono coinvolte nella protezione dell’organismo contro lo stress ossidativo.

Lo studio ha indagato quattro pazienti con un’anomalia genetica predisponente a questo fenomeno e una dilatazione causata dall’aneurisma dell'aorta ascendente presentatasi in età giovanile. 

Lo studio ha mostrato che trattamenti antiossidanti o la chelazione del ferro prevengono il danno ossidativo nelle cellule del paziente e l'aortopatia nel modello di zebrafish. 

“Questi studi indicano un ruolo chiave per lo stress ossidativo e la morte cellulare, attraverso il meccanismo di ferroptosi, nel mediare la degenerazione delle pareti aortiche. Inoltre, i dati da noi raccolti nello zebrafish indicano come un trattamento anti-ossidante con α-tocoferolo o MitoQ possa prevenire questa particolare aortopatia e la correlata letalità”, commentano gli autori Federica Marelli, ricercatrice dell’IRCCS Auxologico, e Luca Persani, professore endocrinologo dell’Università Statale di Milano e di Auxologico.

Bpco, l'emergenza sconosciuta

Bpco malattia dell'anziano?