Aiom premia ricerca e cinema

Riconoscimenti

Aiom premia ricerca e cinema

di redazione

È stata una giornata all'insegna delle premiazioni quella che venerdì 27 ottobre ha aperto a Roma il Congresso degli oncologi italiani dell'Aiom. Oltre ai premi giornalistici per l'informazione (http://www.healthdesk.it/cronache/tumori-seno-breast-unit-sopravvivenza-...), l'Associazione ha assegnato quelli per i migliori giovani oncologi, tre dei quali (su quattro), vengono dall'Istituto oncologico veneto (Iov). Il premio per la miglior comunicazione orale è andato a Fotios Loupakis (Iov) per uno studio sui tumori colorettali metastatici. Giuseppe Lombardi (anch'egli Iov e specialista dei tumori cerebrali)così come Silvia Stragliotto.

A Giuseppe Colucci è andato invece il premio “Gianni Bonadonna” alla carriera.

Per il concorso “Oncologia e cinema” si sono aggiudicati il primo premio della giuria, a pari merito, i due cortometraggi Gli anni più belli, presentato dalla giornalista Livia Parisi (che ne ha curato anche la regia) e Io e Ascanio, presentato da Massimo Di Maio (direttore dell'Oncologia medica dell’azienda ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino) e scritto e diretto da Enzo Dino. Al secondo posto si è posizionato il corto Anna, presentato da Paolo Antonio Ascierto (direttore dell'Oncologia medica Melanoma Immunoterapia oncologica e Terapie innovative dell’Istituto nazionale tumori G. Pascale di Napoli) per la regia di Gianluca Fumagalli. La sessione cinema è stata moderata dalla giornalista RAI Alma Maria Grandin. In totale hanno partecipato al concorso 11 pellicole che sono state esaminate da una giuria composta da pazienti, advocates, medici, psicologi, giornalisti, registi e infermieri.