Testata per la prima volta su cellule umane in vitro una classe di molecole antisenso per ridurre gli effetti dell’invecchiamento precoce nella la progeria. Lo studio italiano su Nature Communications
La nuova molecola mette in disordine il genoma del virus impedendogli di replicarsi
La nuova tecnologia potrebbe venire impiegata nei Paesi a basso reddito dove le carenze nutritive pr
La lettura può rafforzare il cervello prevenendo o ritardando l’insorgere della demenza. Anche con pochi anni di istruzione, le persone che imparano a leggere e scrivere ottengono vantaggi a lungo termine nei confronti di chi non acquista queste abilità
Un’indagine condotta negli Stati Uniti dimostra che bastano pochi anni di elementari per proteggere a lungo termine la salute del cervello. Chi non ha imparato a leggere e scrivere è tre volte più esposto al rischio di sviluppare demenza
Ogni età ha i suoi rischi: dengue e colera minacciano i bambini, le polveri sottili gli adolescenti, gli incendi mettono in pericolo gli adulti e le ondate di calore gli anziani. L’ultimo rapporto su Lancet evidenzia però che l’associazione tra clima e salute viene ancora sottovalutata
Dopo anni di crescita costante, la corsa del diabete in Italia sembra essersi arrestata. Ma non è il momento di abbassare la guardia, perché il diabete resta una patologia complessa e pericolosa

Le altre notizie

A ricordarsi “il dove” di un evento accaduto in passato ci pensano i neuroni della corteccia entorinale. Singoli neuroni vengono attivati per specifici ricordi spaziali. Se cambia l’oggetto del ricordo, cambia l’attività dei neuroni. La scoperta ha implicazioni per la malattia di Alzheimer
Proteggersi da infezioni pericolose provocate dai super-batteri grazie a un vaccino? Non è da escluderlo. I primi test su topi e conigli sono promettenti: l’80 per cento degli animali ha superato indenne l’esposizione all’aggressivo batterio
433mila persone in Italia hanno un’esenzione da ticket per malattia rara. Per lo più sono donne, ma gli uomini spendono di più. La burocrazia rende difficile accedere ai dispositivi medici. Ancora poche le sperimentazioni di farmaci in fase I. Tutto nel 3° Rapporto OSSFOR
Il farmaco, sviluppato da MSD, potrà essere usato nelle le persone a rischio di infezione come gli operatori sanitari o quanti sono stati a contatto con persone infette.
Il ragazzo aveva tutti i sintomi dell’asma, ma il suo problema era un altro: malattia polmonare causata dal vaping. Sotto accusa i liquidi aromatici, ma la sostanza scatenante non è ancora stata individuata. È solo un caso, ma invita anche l’Europa a riflettere sulla sicurezza delle e-cig
Presto i trapianti di cellule pancreatiche, l’ultima speranza di cura per i casi più gravi di diabete 1, potrebbero diventare più efficaci. Con l’aggiunta di cellule della placenta le isole di Langherans diventano più resistenti, attecchiscono meglio e producono insulina più rapidamente
Ai tempi dell’impero, la città contava 1 milione di abitanti. Moltissimi avevano origini straniere, per lo più orientali. Nel Dna di Roma c’è traccia delle migrazioni che hanno contribuito alla sua grandezza. Allo studio in copertina su Science hanno partecipato ricercatori della Sapienza
Non è chiaro se si deve a fattori biologici (alterazione delle difese immunitarie) o comportamentali (abuso di sostanze, insonnia), o a entrambi. Fatto sta che il disagio mentale da stress aumenta il rischio di meningite, sepsi ed endocardite. Soprattutto se la diagnosi arriva da giovani
L’immunoterapia associata alla chemioterapia standard tengono lontano la malattia per almeno 13 anni. Si possono evitare chemio ad alte dosi e autotrapianto. Almeno inizialmente
Costringere i bambini delle elementari a stare seduti al banco per 5 ore o più è un’impresa ardua e controproducente. Se nella lezione venissero inseriti degli esercizi fisici, trasformando in saltelli il risultato di una moltiplicazione, per esempio, gli alunni apprenderebbero più facilmente

Farmaci

I farmaci antinfiammatori potenziano gli effetti degli psicofarmaci e ottengono un miglioramento dei sintomi del disturbo depressivo maggiore. Aspirina, paracetamolo e alcuni antibiotici abbinati agli antidepressivi potrebbero essere la soluzione per quei pazienti che non rispondono alle terapie

Innovazione

Innovazione
Un ingegnoso sistema nato al Mit permetterà ai farmaci che ora devono essere iniettati di venire som