La struttura consente di utilizzare gli organoidi nell’uomo. Può indirizzare lo sviluppo delle staminali in tessuto intestinale tenue, fegato, stomaco e pancreas
La vancomicina modifica il microbioma intestinale potenziando la risposta immunitaria
Ora sono 49 le patologie riconoscibili alla nascita. Ma varrebbe la pena aumentare i test diagnostic
Gli studenti più abili nell’interpretazione delle emozioni sanno gestire meglio gli stati d’animo che possono compromettere la performance in aula. Ma anche ad avere relazioni migliori con i professori, i compagni di classe e i genitori
Se non capisci perché il tuo amico è di cattivo umore, magari potrai andare bene in matematica, ma avrai difficoltà a comprendere il dilemma di Amleto o le cause scatenanti della Rivoluzione francese. Gli studenti con punteggi alti nei test di intelligenza emotiva sono più bravi a scuola
La mancanza di sonno rende le ossa fragili. E aumenta così il rischio di fratture. Un bel problema per le donne over 50 che sono particolarmente esposte a entrambi i disturbi, insonnia e osteoporosi

Le altre notizie

Un omino che corre e un omino che cammina a passo svelto. E in calce i minuti necessari a bruciare le calorie degli alimenti scelti. Così il messaggio arriva forte e chiaro. Questo sistema di etichettatura aiuterebbe a ridurre l’apporto calorico di 195 calorie al giorno a persona
Per i pazienti con la forma refrattaria-recidivante attualmente non c’è possibilità di cura. La procedura basata sul potenziamento dei linfociti T accende nuove speranze. I risultati del trial clinico di fase 2 presentati al congresso di ematologia a Orlando sono incoraggianti
Nascere da una donna che durante o prima della gravidanza ha sofferto di diabete aumenta le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari entro i 40 anni. Prevenire il diabete nelle donne in età fertile è una priorità per la salute delle mamme e dei figli
Al Centro-Nord il paziente è preso in carico in un percorso terapeutico standard mentre il Sud fatica a recuperare il ritardo. Così il valore economico della mobilità oncologica ammonta a 10 miliardi di euro l’anno
Facili da reperire in farmacia oppure on line, i prodotti dimagranti possono compromettere la salute mentale delle ragazze giovani. Perché c’è il rischio che favoriscano i disturbi alimentari
Possiamo pure fare lo sguardo feroce, urlare come aquile e sfoggiare un ghigno da iene. Ma la nostra specie di selvaggio ha ben poco. Perché siamo stati addomesticati, come gli altri animali. E ora è stato scoperto il gene che ci ha dato tratti del viso e atteggiamenti pro-sociali
Il plasma come specchio della salute attuale e futura. Dal tipo di proteine presenti nel sangue e dalla loro concentrazione si ricavano informazioni affidabili sulle condizioni fisiche del momento e sui fattori di rischio per diverse malattie. La proposta è di puntare sulla proteomica
Le famiglie con figli minorenni, povere ma anche non povere, sono le prime a dover rinunciare ai controlli medici per ragioni economiche. E dal dentista ci si va solo in casi estremi. 473mila persone non hanno potuto acquistare i medicinali necessari. I dati nel 7° Rapporto di Banco Farmaceutico
La sorgente di radiazioni è posta vicino alla zona da trattare. In questo modo i tessuti circostanti vengono risparmiati dai raggi e si riducono gli effetti collaterali. Ma la brachiterapia, oltre a essere più sicura, è anche efficace. Ancora però è sottoutilizzata per le lesioni di viso e collo
La strada delle staminali non va abbandonata, basta utilizzarle in modo diverso. Non è sostituendosi alle vecchie cellule cardiache che le staminali riparano il cuore, ma provocando un’infiammazione seguita da una risposta immunitaria che favorisce la riparazione della lesione. Lo studio su Nature

Farmaci

Beta-bloccanti, Ace inibitori o sartani. Somministrandoli ai pazienti in chemioterapia si potrebbe evitare il 10 per cento dei casi di cardiotossicità. La valutazione spetta agli oncologi, caso per caso, ma il trattamento cardioprotettivo merita di essere preso in considerazione

Innovazione

Innovazione
L’invenzione degli ingegneri del MIT: uno “scotch” che ripara le lesioni in 5 secondi