Il popolo con il cuore più sano del mondo? Gli Tsimane della Bolivia

Lo studio

Il popolo con il cuore più sano del mondo? Gli Tsimane della Bolivia

I geni non c’entrano. È tutto merito degli stili di vita. Caccia e pesca li costringono a mantenersi in movimento per il 90 per cento della giornata. La dieta, poi, è un toccasana
redazione

Per prevenire le malattie cardiovascolari  bisogna prendere esempio dagli Tsimane, la popolazione indigena dell’Amazzonia boliviana eletta dal Lancet come quella con il cuore più sano del mondo. I ricercatori dell’Università del Nuovo Messico ad Albuquerque negli Stati Uniti hanno constatato infatti che le arterie del popolo sudamericano si mantengono giovani nonostante l’età, tanto che l’incidenza dell’aterosclerosi è cinque volte inferiore rispetto a quella dei cittadini degli Stati Uniti. Il confronto con gli occidentali è impietoso. 

Gli autori hanno sottoposto a scansione coronarica 705 indigeni tra i 40 e i 95 anni in cerca dei pericolosi segnali di indurimento delle arterie e inoltre hanno misurato la pressione sanguigna, il colesterolo, la glicemia, il livello di infiammazione e il peso del campione analizzato. Circa l’85 per cento dei partecipanti allo studio non mostrava alcun rischio di malattia cardiovascolare, il 13 per cento aveva un rischio basso, mentre il 3 per cento un rischio alto. La popolazione statunitense sottoposta agli stessi esami dava risultati ben diversi: solamente il 14 per cento non mostrava alcun rischio cardiovascolare, mentre per il 50 per cento il rischio era moderato-alto. 

Qual è il segreto custodito in Amazzonia? I geni non c’entrano. È lo stile di vita e l’alimentazione a rendere il cuore degli Tsimane il più sano del mondo. La caccia e la pesca costringono la popolazione a mantenersi in movimento per il 90 per cento della giornata, in confronto al 46 per cento degli americani. La dieta poi è un toccasana: cereali non raffinati, ricchi di fibre, noci, frutta e pochi grassi. Nessuno fuma. Tutto ciò riduce quasi a zero i casi di infarto. 

Per ricevere gratuitamente notizie su questo argomento inserisci il tuo indirizzo email nel box e iscriviti: