Tumori maschili, 208 mila diagnosi l'anno. Al via una campagna per la prevenzione

Il progetto

Tumori maschili, 208 mila diagnosi l'anno. Al via una campagna per la prevenzione

di redazione

Nel nostro Paese ogni anno si registrano oltre 208 mila nuove diagnosi di tumore nei maschi. Il più frequente è quello alla prostata che solo nel 2023 ha colpito 41.100 uomini. Sono neoplasie in aumento, ma ridurre il rischio di insorgenza è possibile.

Da qui la scelta di una nuova campagna nazionale, “Prevenzione oncologica maschile”, promossa da Fondazione IncontraDonna in collaborazione con il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. L’iniziativa è stata presentata a Roma martedì 16 aprile in una conferenza stampa alla quale ha partecipato anche il testimonial della prima edizione dell’iniziativa, l’attore Cesare Bocci.

L’obiettivo è divulgare informazioni a bordo treno e sensibilizzare sui temi della prevenzione e dei corretti stili di vita con il supporto di materiale di comunicazione specifico e il coinvolgimento di medici e volontari. Particolare attenzione è riservata alle neoplasie genitourinarie maschili: prostata, testicolo, rene e vescica. La campagna si rivolge anche ai più giovani per educarli circa l’importanza della vaccinazione Hpv e agli over 50, per sensibilizzali sulla necessità di svolgere regolarmente controlli con lo specialista.

«Dopo il successo delle tredici edizioni del “Frecciarosa” – racconta Adriana Bonifacino, presidente della Fondazione IncontraDonna - abbiamo deciso di avviare una campagna incentrata sul benessere maschile. La tutela della salute e la cultura della prevenzione sono concetti da preservare con impegno e dedizione, per questo, grazie ai medici e al prezioso aiuto dei volontari e delle volontarie di Fondazione IncontraDonna, saremo di nuovo a bordo treno per fornire consigli e informazioni utili, incoraggiando e coinvolgendo le persone a essere più consapevoli su come ridurre il rischio di insorgenza di patologie oncologiche, soprattutto quelle genitourinarie».

La nuova campagna prevede, per la giornata del 17 aprile, consulti medici gratuiti sui treni Alta velocità, Intercity e Regionali. Verrà anche distribuito il booklet “Vademecum della Salute, Dedicato a Te-Prevenzione oncologica maschile”. 

 «Consolidare e diffondere una cultura comune a favore della prevenzione oncologica è uno dei nostri obiettivi – assicura Stefano Cuzzilla, presidente di Trenitalia - e oggi siamo particolarmente orgogliosi di vedere l’iniziativa “La prevenzione viaggia in treno” crescere e arricchirsi con una campagna dedicata alla prevenzione oncologica maschile. Questo nuovo progetto concretizza ancora una volta l’impegno di Trenitalia, e di tutto il Gruppo FS, nella sanità e nell’inclusione e ci dà l’opportunità di diffondere un approccio culturale basato sulla sensibilizzazione e promozione della prevenzione, fondamentale per uno stile di vita sano».